HomeNotiziePOLITICA & ATTUALITA'Vibac, dall’11 marzo via allo sciopero. I sindacati: ci sentiamo presi in...

Vibac, dall’11 marzo via allo sciopero. I sindacati: ci sentiamo presi in giro

“C’è chi promette 1,5 milioni di euro di investimenti e poi mette sotto pressione i propri dipendenti per costringerli a rinunciare ad una fetta consistente della retribuzione per tre anni”, spiegano le Rsu


TERMOLI. Le segreterie e le RSU Filctem CGIL, Femca CISL, Uiltec UIL e Failc Confail denunciano come la Vibac, incurante dei segnali di allarme dei dipendenti, prosegua con la cassa integrazione guadagni ordinaria per 13 settimane “senza chiarire nulla sul proprio futuro e sugli investimenti per rendere competitivo il sito produttivo di Termoli”.

Le sigle sindacali spiegano come i rappresentanti dell’azienda, nell’incontro di lunedì scorso, “hanno manifestato la loro assoluta inconsapevolezza sugli interventi da fare a Termoli, per superare i problemi di inefficienza produttiva e sicurezza degli impianti segnalati dalla proprietà, nella discussione per l’apertura della Cassa Integrazione Guadagni. Ci sentiamo presi in giro da chi promette 1,5 milioni di euro di investimenti e poi mette sotto pressione i propri dipendenti per costringerli a rinunciare ad una fetta consistente della retribuzione per tre anni. A conti fatti, ottenendo molto di più degli 1,5 milioni di euro!”

“Forse la Vibac vuole fare gli investimenti con i soldi dei dipendenti? Forse la Vibac non sta più pensando al futuro dello stabilimento di Termoli? O magari è il caso che qualche istituzione del Molise si preoccupi di portare ad un tavolo di 
trattative l’azienda? Certo è – si domandano i sindacati – che bisognerà necessariamente provvedere alla sostituzione delle caldaie e al revamping degli impianti, se si vuole che la Vibac di Termoli torni ad essere competitiva!”

Pertanto, alla luce anche delle decisioni dell’ultima assemblea dei lavoratori, per venerdì 11 marzo è fissato l’inizio dello sciopero di due ore giornaliere per ogni turno di lavoro. Venerdì 11 marzo tutti i lavoratori saranno in presidio davanti allo stabilimento Vibac, dalle ore 12 alle ore 14. Le sigle sindacali organizzatrici invitano la Vibac ad allargare il futuro tavolo delle trattative alle istituzioni preposte del Molise per arrivare tutti insieme ad una soluzione condivisa di questa vertenza e allo stesso tempo invitano le istituzioni a contattare la proprietà per decidere del destino di 200 famiglie Molisane. “Evitiamo le chiusure per finta della Vibac, come è già successo nel 2013 dove, per fare cassa, la Vibac ha chiuso e riaperto nel giro di poche settimane, dopo aver ottenuto una riduzione di stipendio per tutti i dipendenti di circa 4000 euro all’anno!”, chiosano i sindacati.

Più letti

Venafro, tutto pronto per la settima edizione di ‘Femminile Plurale’

Appuntamento giovedì 7 marzo presso la Palazzina Liberty VENAFRO. Venus Verticordia ha il piacere e l'onore di presentare la settima edizione di Femminile Plurale, la...
spot_img
spot_img
spot_img