HomeNotiziePOLITICA & ATTUALITA'Positivi al Covid, l’Istituto superiore di sanità chiarisce le modalità: la Sea...

Positivi al Covid, l’Istituto superiore di sanità chiarisce le modalità: la Sea ripristina la raccolta differenziata

Tutti gli accorgimenti per evitare la contaminazione dei rifiuti, evitando rischi per gli operatori addetti alla raccolta dei rifiuti


CAMPOBASSO. La Sea ha disposto per il territorio di Campobasso il ripristino, a partire dal lunedì 7 marzo, della raccolta differenziata dei rifiuti nelle case dei cittadini positivi al Covid.

Servizio assicurato dopo che il 3 marzo l’Istituto Superiore di Sanità ha pubblicato una nota tecnica in cui, dopo aver spiegato le ultime evidenze scientifiche sulla diffusione del Sars Cov-2, descrive le modalità operative per la gestione dei rifiuti urbani extra-ospedalieri, nelle abitazioni su tutto il territorio nazionale. Sempre L’Iss ha diffuso le raccomandazioni per la preparazione e il conferimento dei rifiuti domestici, per gli operatori e per le aziende del settore di raccolta, smaltimento e trattamento dei suddetti rifiuti.

Nelle famiglie in cui ci siano cittadini positivi al Covid al raccolta differenziata va eseguita, ma è necessari confezionare tutte le tipologie di rifiuti, secondo le regole vigenti sul territorio relative alla raccolta differenziata, in modo da non danneggiare e/o contaminare esternamente i sacchi. Ogni qualvolta siano presenti oggetti taglienti, a punta o comunque in grado di provocare lacerazioni dell’involucro (oggetti o frammenti in vetro o metallo), si raccomanda di eseguirne il conferimento con particolare cura (ad esempio avvolgendoli in carta o panni) per evitare di produrre lacerazioni dei sacchi, con conseguente rischio di fuoriuscita del loro contenuto.

Per tutte le frazioni dovranno essere utilizzati almeno due sacchetti, uno dentro l’altro, (della stessa tipologia prevista per la frazione raccolta) o in numero maggiore in dipendenza della loro resistenza meccanica.

Fazzoletti di carta, carta in rotoli, mascherine e guanti, tamponi per test per autodiagnosi Covid-19, invece, dovranno essere inseriti in una busta separata e chiusa, prima di essere introdotti nel sacco dei rifiuti indifferenziati. Tale scelta è stata determinata per limitare il più possibile errori nella raccolta e nel conferimento dei rifiuti, a salvaguardia della sicurezza in ambito domestico e della salute degli operatori ecologici addetti alla raccolta dei rifiuti.

Si raccomanda in generale di chiudere adeguatamente i sacchi eventualmente utilizzando guanti monouso; non schiacciare e comprimere i sacchi con le mani; evitare l’accesso di animali da compagnia ai locali dove sono presenti sacchetti di rifiuti; far smaltire il rifiuto dalla propria abitazione con le procedure in vigore sul territorio. I guanti monouso utilizzati per l’operazione dovranno essere rimossi rovesciandoli (per evitare che vengano a contatto con la cute) ed essere eliminati nel successivo sacco di rifiuti indifferenziati.

Per approfondimenti, nota Tecnica Istituto superiore di Sanità al link: 14fc6d4f-3f95-99aa-a85b-2f187e4aa876 (iss.it)

spot_img
spot_img
spot_img

Più letti

Carnevale Europeo delle Maschere Zoomorfe: parte il conto alla rovescia per...

All’ex Gil di Campobasso, l’Aps Artemide illustrerà il programma della manifestazione che ha come partners le associazioni ‘Il Diavolo’ di Tufara e ‘L'uomo cervo’...