HomeNotiziePOLITICA & ATTUALITA'Calo di commesse e cassa integrazione alla Vibac, richiesta di incontro al...

Calo di commesse e cassa integrazione alla Vibac, richiesta di incontro al Mise

Da parte dei sindacati Filctem Cgil, Femca Cisl e Uiltec


CAMPOBASSO. La Vibac di Termoli avvia una procedura di cassa integrazione per calo di commesse, Filctem Cgil, Femca Cisl e Uiltec hanno chiesto un incontro urgente al Ministero dello Sviluppo economico, per approfondire le tematiche inerenti al futuro produttivo degli stabilimenti dei quattro siti produttivi del gruppo.

La richiesta di cassa integrazione, chiariscono infatti i sindacati, è in controtendenza rispetto alle recenti promesse di investimenti sul sito.

“La scelta di azzerare la contrattazione di secondo livello – hanno dichiarato Cgil, Cisl e Uil – non solo penalizza i lavoratori di quel sito, ma è indice di poca chiarezza delle volontà dell’azienda. Risultano inoltre, in particolar modo nel sito produttivo di Termoli, diverse diffide da parte di Arpa Molise circa delle criticità di natura ambientale, verso le quali l’azienda in un primo tempo si era dichiarata disponibile al risanamento delle stesse attraverso un piano di adeguamento di durata triennale, ma che ora invece sembra essere svanito”.

“Inoltre, sempre sul territorio molisano insiste ormai da giorni, un’astensione dal lavoro parziale dei lavoratori, organizzato dalle strutture sindacali territoriali del sito produttivo. Volendo evitare che si acuisca la tensione sociale – hanno concluso i sindacati – e nell’obiettivo di conoscere il futuro produttivo della Vibac sull’intero territorio nazionale, auspichiamo una convocazione nel minor tempo possibile”.

Più letti

Venafro, tutto pronto per la settima edizione di ‘Femminile Plurale’

Appuntamento giovedì 7 marzo presso la Palazzina Liberty VENAFRO. Venus Verticordia ha il piacere e l'onore di presentare la settima edizione di Femminile Plurale, la...
spot_img
spot_img
spot_img