HomeNotiziePOLITICA & ATTUALITA'Assistenza sul territorio, dirigenza e responsabilità, stop alla carenza: le richieste degli...

Assistenza sul territorio, dirigenza e responsabilità, stop alla carenza: le richieste degli infermieri di Molise e Campania

Emerse dall’Ottava tappa del Congresso itinerante FNOPI: le garanzie di Toma e De Luca


CAMPOBASSO-NAPOLI. Tre richieste fondamentali dagli infermieri di Campania e Molise avanzate in occasione dell’ottava tappa del Congresso itinerante della Federazione nazionale degli ordini delle professioni infermieristiche (Fnopi) alle autorità Regionali: 1) realizzare una vera assistenza sul territorio, la cui assenza penalizza oggi non solo i professionisti, ma soprattutto gli assistiti; 2) valorizzare la professione sia prevedendo per gli infermieri ruoli dirigenziali soprattutto per le strutture assistenziali, ma anche docenze per la formazione: gli infermieri li devono formare e dirigere gli infermieri che conoscono la professione e le sue peculiarità, di cui soprattutto durante la pandemia si è dimostrato il ruolo essenziale; 3) colmare la carenza di personale che in Campania e Molise sfiora le 10.000 unità (ne mancano in media il 25% di quelli che sarebbero necessari), soprattutto per realizzare le strutture previste dal PNRR, ma anche per poter assistere al meglio i cittadini: l’ adeguamento degli organici garantisce assistenza in modo appropriato Sia nei contesti ospedalieri sia territoriali.

Oggi l’assistenza è un’impresa difficile (soprattutto sul territorio) e chi ne fa le spese maggiori sono proprio i pazienti se sono lasciato soli e non hanno un professionista a cui rivolgersi. “Senza gli infermieri non ce l’avremmo fatta a superare la pandemia – ha detto il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca al Congresso – e per questo dobbiamo dare impulso alla professione: negli ultimi due anni abbiamo impegnato 3.600 infermieri in più, di cui 900 sono stati già stabilizzati e gli altri lo saranno entro fine 2022. Poi nei nostri programmi ce ne sono almeno altri 3mila da assumere per rendere le Case della Comunità, gli Ospedali di comunità e le centrali operative previste dal PNRR efficienti ed efficaci per le persone, sul territorio”.

“Siamo impegnati – ha detto ancora – nella qualificazione dell’assistenza perché sia di grande qualità e per questo le tre parole che caratterizzano la professione infermieristica dovranno essere assunzioni, stabilizzazioni e formazione, perché gli infermieri acquisiscano quel ruolo di priorità che il nuovo modello di sanità ha disegnato per loro. Certo, è aperta la battaglia con Governo per avere le risorse necessarie a migliorare, la sanità perché i criteri di riparto del fondo sanitario non vanno più e ce ne vogliono di nuovi che consentano a tutti i cittadini di avere a disposizione le stesse risorse: la Campania in questo senso sta perdendo almeno 300 milioni ogni anno”.

“Dobbiamo dare risposte ai cittadini, non alla politica e per questo, perché l’assistenza ne ha bisogno, stiamo assumendo oltre 230 nuovi infermieri, riaprire i concorsi e a giorni convocheremo gli ordini per mettere a punto il Piano operativo 2022-2024: prima si fa e meglio è per tutti”, ha detto il presidente della Regione Molise, Donato Toma, intervenendo al Congresso. “Gli infermieri – ha proseguito – dovranno avere maggiore responsabilità, autonomia e il riconoscimento delle loro competenze non solo nell’assistenza, ma anche nel management.   E dobbiamo recuperare – ha aggiunto Toma – rispetto ai loro ruoli dirigenziali e alle unità operative infermieristiche: per attuare il PNRR dobbiamo fare in fretta”.

“Quella dell’infermiere è la professione del futuro – ha sottolineato Barbara Mangiacavalli, presidente Fnopi – e lo è con maggiori responsabilità, formazione, specializzazioni e infungibilità della professione. Ma c’è carenza, e non solo in Campania e Molise: il rapporto infermieri-abitanti in Italia è di 5,5-5,6 infermieri ogni mille abitanti contro una media dei Paesi dell’Organizzazione di 8,5, uno dei più bassi d’Europa secondo l’Ocse e il rapporto infermieri-medici, che dovrebbe essere secondo standard internazionali 1:3 è, sempre secondo l’Ocse, inferiore di 1:1,5. Secondo questi numeri di infermieri nel nostro Paese per adeguarsi almeno alla media Ocse ne mancherebbero ben oltre 100mila”.

“L’infermiere – spiega – assicura il buon andamento delle strutture anche evitando eventuali carenze o atti impropri di altre figure, ma deve essere supportato da un organico numericamente e professionalmente efficiente e dotazioni all’altezza di un’assistenza di qualità, altrimenti c’è il rischio di peggiorare la situazione e trasformare chi dovrebbe organizzare in un capro espiatorio di errori altrui. Gli studi internazionale parlano chiaro: più ci si allontanata da un rapporto di un infermiere ogni 6 assistiti più aumenta il rischio di mortalità, fino a raggiungere anche il 30% di aumento. E in Italia la media è a 11, ma in Molise si raggiungono i 13 e in Campania i 17-18”.

“Ora – conclude la presidente Fnopi – tra Pnrr, legge di Bilancio e Pon che stanzia risorse proprio per il Sud la strada è aperta e non si potrà più ignorare questa esigenza”.

Iscriviti al nostro gruppo Facebook ufficiale https://bit.ly/isNews_agora

isNews è anche su Telegram: clicca qui per iscriverti https://t.me/isnews_it

Per ricevere le nostre notizie su Whatsapp, clicca qui https://bit.ly/isnews_wa_iscrivimi e salva il contatto!

Più letti

Racconti nella rete, con ‘Diverso da chi? Alessio Manfredi Selvaggi vince...

Nuovo riconoscimento per il 17enne di Campobasso, già nominato Alfiere della Repubblica. La pubblicazione nell’antologia e la cerimonia a Lucca CAMPOBASSO. Nuovo riconoscimento per Alessio...