L’evento si è tenuto ieri, 31 marzo, all’Hotel Don Guglielmo. Nell’occasione approvato il Consiglio direttivo e i nomi dei delegati che parteciperanno ai congressi Distrettuale e nazionale


CAMPOBASSO. Si è svolta ieri, 31 marzo, presso l’Hotel Don Guglielmo di Campobasso, l’Assemblea dei soci del Lions Club Campobasso presieduta dal Presidente Stefano Maggiani.

L’Assemblea, dopo aver espresso soddisfazione per l’attività di Servizio realizzata alla data odierna nell’a.s. 2021/2022, come brevemente riportata dal Presidente Maggiani, ha condiviso le attività di Servizio già programmate e ancora da svolgere.

Successivamente, l’Assemblea, all’unanimità, ha approvato il Consiglio Direttivo per l’a.s 2022/2023, così come proposto dal Presidente in coming Eugenio Astore.

L’Assemblea ha poi deliberato i Soci Delegati che rappresenteranno il Lions Club Campobasso al Congresso Distrettuale e a quello Nazionale.

Il Socio Decano, Peppe Ruffo, presente in Assemblea, ha donato al Lions Club Campobasso una nuova Campana LIONS del cinquantenario fatta realizzare dalla premiata Fonderia Marinelli di Agnone. 

Al termine dell’Assemblea, il Lions Club Campobasso ha avuto il piacere di ospitare il giornalista Giovanni Mancinone e il dottor Mario Luzzi per la presentazione del pluripremiato Libro “Molise Criminale”.

La brillante esposizione dell’autore Giovanni Mancinone e gli interventi tecnici dell’ex Agente di Polizia, Mario Luzzi, hanno dato vita a un’interessantissima serata e ad un dibattito che ha visto intervenire anche i soci presenti in cui si è generato interesse e curiosità. 

Al termine della presentazione, si svolta la conviviale del Lions Club Campobasso.

La serata, dedicata all’emergenza Ucraina, ha previsto una raccolta fondi tra i soci.

Intanto, la presidente del Lions Club Napoli Host, Grazia Salerno, ha regalato, in segno di amicizia e fratellanza, al Lions Club Campobasso il guidoncino e la cartolina con annullo filatelico, dopo la serata trascorsa a Napoli durante la charter, momento di condivisione insieme ai colleghi partenopei.