HomeNotizieCULTURA & SPETTACOLIIsernia, ‘L’eterno battito di ciglia’, si inaugura la mostra di Michelino Iorizzo

Isernia, ‘L’eterno battito di ciglia’, si inaugura la mostra di Michelino Iorizzo

L’esposizione sarà allestita nelle sale della galleria ‘Spazio Arte Petrecca’


ISERNIA. Sarà la galleria ‘Spazio Arte Petrecca’ ad ospitare a Isernia la mostra di Michelino Iorizzo ‘L’eterno battito di ciglia’.  La vernice d’apertura della mostra è prevista il giorno 16 aprile alle ore 18.30 presso le sale della Galleria in Corso Marcelli 180 a Isernia. Interverranno l’artista Michelino Iorizzo la storica dell’arte e curatrice della mostra Carmen D’Antonino, insieme all’avvocato Gennaro Petrecca (direttore artistico). L’apertura al pubblico, per tutta la durata dell’esposizione, è prevista dal martedì al sabato, dalle 18:00 alle 20:00 e la domenica su prenotazione sempre nei limiti delle restrizioni previste dall’emergenza sanitaria. Ingresso contingentato, obbligo di mascherina. È gradita la prenotazione.

L’evento è promosso in collaborazione con SM’ART- l’arte sm! e con il patrocinio del Comune di Isernia. La mostra resterà aperta fino al 30 aprile.

NOTA CRITICA DI CARMEN D’ANTONINO. Da sempre, nell’arte, la donna è stata fonte d’ispirazione per vari artisti, così come per molti scrittori che, attraverso i secoli, l’hanno immortalata in memorabili versi o in splendide opere d’arte. Andando alla ricerca di volti femminili e raffigurazioni, uno dei dipinti più affascinanti della donna nell’arte che si avvicina per l’assoluta eleganza a quelli di Michelino Iorizzo è la “Ragazza con l’orecchino di perle di Vermeer”. Da più parti nella moderna critica, è stato ipotizzato che questo dipinto sia, in realtà un finto ritratto e che l’immagine sia di pura fantasia. L’opera sarebbe insomma una tronie, una sottocategoria della ritrattistica dell’Epoca d’Oro olandese, che raffigura volti d’invenzione e non persone reali. Nelle opere di Iorizzo è evidente la matrice dell’arte fiamminga, nell’attenzione particolare ai giochi di luce che, in maniera silenziosa, accendono i copricapi di tocchi sgargianti di colore contrastando con il vivace e naturale scintillio degli occhi delle diverse figure femminili. Le labbra sono rappresentate delicatamente carnose, dischiuse in un accenno di sorriso, donando ritratti intensi e intimamente veri.

I suoi ritratti presentano una composizione equilibrata e misurata.  Le donne da lui raffigurate assumono pose eleganti ed armoniose. Si respira quel concetto di “bellezza ideale” da uno spiraglio di luce, di uno sguardo che ci porta oltre l’infinito, di mondi immaginari che nutrono l’artista e che egli rende reali. Michelino Iorizzo può essere, infatti, considerato l’erede dei maestri classici e fiamminghi con un tocco di contemporaneità; nelle sue opere ogni viso, se ci si sofferma a leggerlo, svela delle storie, dando vita ad una pittura che provoca un dialogo riflesso con l’osservatore, una pittura che va vissuta con il cuore e non con gli occhi.

NOTA CRITICA DI GENNARO PETRECCA. Michelino Iorizzo è uomo, prima che artista, che indaga il mondo e la sua indagine parte da un denominatore comune dell’essere umano: lo sguardo.

Tanto ci sarebbe da dire in merito e lui lo sa bene, lo sguardo è linguaggio muto ed universale, è l’origine della comunicazione non verbale, empatica, è forse tra i sensi quello che meglio rispecchia l’anima. Attraverso lo sguardo conosciamo il mondo che ogni volta ci appare diverso non nella sua realtà oggettiva quanto per lo stato d’animo con cui ci approcciamo ad esso, e Iorizzo è Maestro nel fermare gli sguardi nell’attimo decisivo, come Mc Curry riesce nella fotografia. La sua è una pittura di composizione classica, dal cromatismo multiforme che richiama l’Oriente, la sua umanità è variegata con la Donna che la fa da protagonista rispetto ad un Uomo che più che carnale è mitologico, eroico, guerriero.

D’altro canto lo sguardo più emblematico ed ammiccante della storia dell’arte è quello della Monna Lisa al Louvre di Parigi rispetto alla quale Iorizzo agisce per sottrazione eliminando lo sfondo di paesaggio esaltando invece con il colore la tridimensionalità, quasi la sua donna si potesse carezzare, le si potessero socchiudere le ciglia, la si potesse baciare sulle labbra volutamente sensuali.

Resto sempre del parere che nello sconfinato mondo degli artisti contemporanei, che sarebbe quasi impossibile catalogare o quantificare, l’aspetto fondamentale sia la riconoscibilità ed in questo il nostro Iorizzo riesce magistralmente, sono suoi i volti liquidi di un mondo globale, appartiene alla sua pittura l’apparente istintività del tratto che cela una minuziosa ricerca del dettaglio.

È sua prerogativa dipingere attraverso il volto le anime sospese tra il bello della vita e la crudeltà della morte.

NOTA BIOGRAFICA. Michelino Iorizzo nasce a Roma nel 1971 e dopo aver terminato il Liceo Artisti­co, nel 1993 si diploma all’Accademia delle Bel­le Arti di Roma.  Segue un periodo di insegnamento priva­to in Italia e all’estero, in particolare in Acca­demie orientali (Hubei University, Cina). Da un iniziale racconto di paesaggi astratto-figu­rativi, prosegue la sua ri­cerca artistica dedicandosi ai ritratti femminili. Misteriosi, a volte sognanti e malinconici, i volti ritratti da Io­rizzo in realtà non esistono se non nella sua immaginazione, nel ricor­do di un fugace incontro o nei sogni più re­conditi dell’artista.  Iorizzo scava nella materia pittorica, corrode la superficie lasciando emergere su ogni volto una patina di antico che lo lega al passato.  Tra irrequietezza e concretezza le opere dell’artista portano alla ribalta una pittura vibrante e appassionata, oscillante fra una ricerca realistica ed una trasformazione consapevole.  Dotato di un talento versatile che spazia dalla pittura, alla scultura, dalla ceramica alla tecnica delle icone antiche, tutte le opere di Iorizzo raccontano del suo spirito irrequieto e visionario.  Numerose le mostre personali e collettive. Alcune sue opere figurano in Collezioni e mostre permanenti di Musei italiani ed esteri.  Hanno scritto di lui: Andrea Romoli Barberini, Berenice, Dacia Maraini, Stefania Severi, Claudio Strinati, Sandro Trotti.

Iscriviti al nostro gruppo Facebook ufficiale https://bit.ly/isNews_agora

isNews è anche su Telegram: clicca qui per iscriverti https://t.me/isnews_it

Per ricevere le nostre notizie su Whatsapp, clicca qui https://bit.ly/isnews_wa_iscrivimi e salva il contatto!

Più letti

Locandina Montenero Adriaclim

Progetto AdriaClim, tutto pronto per il terzo workshop partecipativo

Strumenti di informazione, monitoraggio e gestione dei cambiamenti climatici per le strategie di adattamento nelle aree costiere dell'Adriatico: l’evento venerdì 8 luglio MONTENERO DI BISACCIA....