HomeOcchi PuntatiBonus acquisto mobili ed elettrodomestici, le novità del 2022

Bonus acquisto mobili ed elettrodomestici, le novità del 2022

Con la nuova finanziaria è arrivata la proroga: tetto massimo di 10mila euro solo nell’anno in corso, i mobili devono essere obbligatoriamente nuovi.


Arriva con la legge di Bilancio 2022 è la proroga del bonus dal 50% sull’acquisto di elettrodomestici e mobili. La novità è che il tetto di spesa per l’anno in corso si assesta sui 10mila euro, per poi subire un taglio drastico fino a dimezzarsi nel 2023 e nel 2024 (la copertura sarà pertanto solo fino a 5mila euro).

Spesa totale fissata al massimo a 5mila euro (per il 2022) o 2500 euro (2023 e 2024) recuperabili in 10 anni, ma solo per l’acquisto di mobili ed elettrodomestici per case in ristrutturazione. Tali interventi devono essere partiti dal 1° gennaio dell’anno precedentea quello dell’acquistodegli elementi di arredo.

Il bonus può anche essere richiesto dal contribuente per più unità abitative: il tetto massimo del contributo non sarà cumulativo, bensì riferito a ciascuna casa oggetto di ristrutturazione.

Per rientrare nella norma i mobili devono essere obbligatoriamente nuovi. Possono esserci letti, comodini, armadi, cassettiere, librerie, scrivanie, tavoli, sedie, divani, poltrone e credenze, materassi e tutti gli apparecchi di illuminazione, complementi più che necessari in un immobile da restaurare. Inclusi pure i grandi elettrodomestici, che devono risultare di classe energetica non inferiore alla A per i forni, non inferiore alla E per lavatrici, asciugatrici o lavastoviglie e non inferiore alla F per frigoriferi e congelatori.

Per accedere al beneficio gli interventi di ristrutturazione devono risultare di ‘manutenzione straordinaria’.

Sui pagamenti occorre la tracciabilità, con bonifico o carta di credito/debito, mentre non sono considerati validi i contanti e gli assegni. La detrazione Irpef al 50% viene concessa anche nel caso in cui sia stato attivato un finanziamento a rate, purché l’istituto erogatore paghi quanto dovuto con le stesse modalità a cui è vincolato il contribuente. Se tutto sarà secondo norma, sarà possibile accedere al bonus anche in caso di acquisto di mobili/grandi elettrodomestici all’estero.

Tra i beni acquistati non rientranti nel bonus porte, finestre, pavimentazioni e tendaggi di vario tipo ed elettrodomestici sprovvisti di etichetta energetica, a meno che per essi non sia previsto l’obbligo di rientrare in alcuna specifica categoria energetica.

spot_img
spot_img
spot_img

Più letti

Bagnoli del Trigno a ‘Mezzogiorno Italia’, importante vetrina nazionale

Le bellezze dell'area per le telecamere e gli spettatori di Rai 3. GUARDA LE FOTO BAGNOLI DEL TRIGNO. Nella tarda mattinata di oggi, sabato 28...