HomeNotiziePOLITICA & ATTUALITA'Il Molise è la sua agricoltura, l’Agorà di Campomarino traccia le prospettive

Il Molise è la sua agricoltura, l’Agorà di Campomarino traccia le prospettive

Terzo incontro dedicato al ‘Patto verde per il Molise’. Presenti accademici, operatori e politici, tra gli altri l’Onorevole Filippo Gallinella, presidente della Commissione agricoltura alla Camera dei Deputati.


‘Coltiviamo il futuro, quale agricoltura per il Molise’ questo il titolo dell’incontro, il terzo dedicato al ‘Patto verde per il Molise’, che si è svolto venerdì al Casale di Madonna Grande a Campomarino. Vi hanno partecipato relatori provenienti dal mondo dell’Università, della politica, dell’associazionismo, tutti uniti per fare il punto sull’Agricoltura a livello nazionale e locale e per discutere delle prospettive del settore in Molise.

L’Onorevole Filippo Gallinella, presidente della Commissione Agricoltura Camera dei Deputati ha illustrato tutte le risorse che il Governo nazionale sta mettendo a disposizione nell’immediato per il comparto agricolo, le opportunità di sviluppo che il Governo sta creando attraverso l’agrivoltaico e il supporto agli agricoltori attraverso la semplificazione dei percorsi burocratici.

L’assessore all’Agricoltura della Regione Campania Nicola Caputo, ha fatto una panoramica sull’avanzamento delle Programmazione europea e nazionale ribadendo la necessità che l’Agricoltura torni al centro dell’attenzione come importante leva economica e di sviluppo occupazionale.

Il Professor Emanuele Marconi ordinario UniMol Dipartimento Agricoltura nel suo intervento ha ripercorso le difficoltà che il settore agricolo ha subito negli ultimi due anni prima a causa della pandemia Covid e poi per la guerra attualmente in corso in Ucraina. IMarconi ha poi spiegato quanto sia importante poter valorizzare ogni territorio tramite i suoi prodotti tipici e, facendo riferimento al Molise, ha citato le particolari qualità dell’olio locale ed infine ha lanciato un appello al rispetto del territorio, a non consumare suolo se non per la produzione alimentare.

Il Professore associato Unimol dipartimento agricoltura  Sebastiano Delfine ha posto l’accento sull’esigenza, imprescindibile, di elevare gli standard qualitativi non solo del prodotto molisano ma anche dei complessi sistemi produttivi. Delfine ha aggiunto che l’areale molisano si presta di per sé a produzioni di eccellenza.

Di seguito Donato Campolieti, Direttore CIA Molise, ha fatto un excursus dell’agricoltura molisana sottolineando la mancanza di alcune filiere (quale ad esempio quella del tabacco) ma ancor di più il bisogno di tutelare e valorizzare quelle esistenti. Il direttore della CIA Molise ha inoltre reclamato a gran voce la necessità di un Piano Agricolo Regionale che consenta una mappatura dettagliata delle diverse esigenze delle aree molisane, così da poter destinare i fondi con oculatezza e precisione evitando il dispendio di risorse economiche.

A chiudere gli interventi l’Onorevole Paolo De Castro, Europarlamentare e attuale relatore presso il Parlamento europeo per la modifica delle indicazioni geografiche, il quale ha ribadito la necessità di una tutela piena del Prodotto Italiano che renda lo stesso non solo appetibile ma anche facilmente riconoscibile. Il raggiungimento di tale obiettivo garantirebbe la fortissima riduzione del così detto Italian Sounding ovvero lo spacciare per prodotto made in Italy ciò che made in Italy non è.

E’ stato il segretario del Pd Molise Vittorino Facciolla a legare i diversi interventi, intessendo con i relatori un dialogo volto a trovare soluzioni ai problemi atavici dell’agricoltura molisana e a delineare la strada per il futuro verde del Molise.

Ai tavoli tecnico si sono per l’occasione confrontati imprenditori di piccole e medie imprese agricole del territorio come l’Azienda agricola Zeoli e l’Azienda agricola Di Vito, agricoltori, produttori di vino e di prodotti biologici.

Al termine, tutti i contenuti e le proposte emerse dal confronto fra i cittadini sono state portate a conoscenza del pubblico nel corso della Plenaria ovvero la riunione finale che nella formula delle Agorà del Molise intende raccogliere le idee e le proposte dei partecipanti.

“Abbiamo raccolto tantissime proposte e ora più che mai abbiamo una visione ancora più chiara della situazione dell’Agricoltura molisana e delle iniziative necessarie per aiutare i produttori e incentivare lo sviluppo di nuove aziende agricole – ha detto Facciolla – ma ciò che sta emergendo chiaramente da queste Agorà del Molise è la grande voglia dei cittadini molisani di partecipare, di essere presenti e di avere ruoli attivi nella costruzione del futuro della nostra regione e noi siamo felici di aver saputo cogliere questo segnale e aver creato una modalità per coinvolgere tutti”.

spot_img
spot_img
spot_img

Più letti

Attraverso il Molise, trekking e ciaspolate sulla neve per una settimana...

Come sempre un programma ricco di eventi CAMPOBASS/ISERNIA. Oltre alla ciaspolata serale con cena in rifugio e a quelle di giorno con un caloroso brindisi...