HomeNotiziePOLITICA & ATTUALITA'Regione, bilancio nel mirino della Uil: “Serve accelerare la spesa dei fondi...

Regione, bilancio nel mirino della Uil: “Serve accelerare la spesa dei fondi a disposizione”

Boccardo: “È ancora una volta un documento in ‘chiaro scuro’ e non rappresenta certamente un punto di svolta per lo sviluppo e la coesione del territorio”


CAMPOBASSO. Audizione, questa mattina, della prima Commissione consiliare sul documento principale di programmazione economica, finanziaria, sociale ed occupazionale della Regione Molise. 

Documento finito sotto la lente della Uil Molise. “Avremmo preferito – evidenzia il segretario generale Tecla Boccardo –  che a monte di questa audizione vi fosse stato un confronto preventivo con la Giunta regionale proprio per ribadire che per noi il dialogo sociale è importante, ma ha un senso solo se il confronto avviene prima che si prendano decisioni.

Abbiamo riferito, con il nostro documento depositato, che il bilancio di previsione 2022-2024 della Regione Molise è ancora una volta un documento in ‘chiaro scuro’ e non rappresenta certamente un punto di svolta per lo sviluppo e la coesione del territorio. 

Siamo consapevoli che i numerosi problemi di ‘natura finanziaria’ della Regione non si risolvono dalla sera alla mattina, ma siamo anche dell’avviso che si debba cambiare verso alle politiche finora introdotte, sfruttando l’opportunità delle ingenti risorse del Pnrre della coesione sia europee che nazionali.

Un piano che affronti i temi dello sviluppo, della crescita, dell’occupazione, della salute e del benessere sociale. 

Tuttavia, nella manovra varata dalla Giunta non vediamo quei provvedimenti volti alla diminuzione del carico fiscale regionale, anzi così come disegnato si prefigura come una ‘fiscalità di svantaggio’  per cittadini e imprese”.

In particolare, per il sindacato “occorre accelerare la spesa dei fondi comunitari e quella del fondo sviluppo e coesione: in quest’ultimo caso gli interventi previsti dal piano sviluppo e coesione, della Regione Molise al 31 dicembre 2021 su un totale di 129 milioni di euro tra Fesr e Fse, ne sono stati rendicontato a Bruxelles 74,4 milioni di euro (il 57,7% del totale).

Ciò significa, però, che da qui alla fine del 2023 dobbiamo spendere quasi la somma che abbiano speso in sei anni di programmazione, mentre il Programma Operativo Complementare del Molise (POC 2014-2020), su 91 milioni di dotazione finanziaria è fermo al palo.

E non va meglio sul versante del fondo sviluppo e coesione: dei 432 milioni di euro del “piano Molise”, è stato speso solo il 9,9% del totale (20,4 milioni di euro); mentre del Contratto Istituzionale di Sviluppo risulta speso solo l’1,7%. 

Quindi la parola d’ordine che lanciamo è accelerazione della spesa. 

Guardando ancora i numeri del bilancio –  continua la sindacalista – diminuiscono le spese per il turismo, per lo sviluppo sostenibile e la tutela ambientale, per la tutela e la valorizzazione dei beni culturali, per l’istruzione e il diritto allo studio, per l’assetto del territorio ed edilizia abitativa e si dimezzano gli stanziamenti per lo sviluppo economico e la competitività, così come la spesa per i trasporti, aumentano invece le poste su politiche attive, giovanili e assetto del territorio.

Sul versante delle entrate non si intravede per quest’anno una diminuzione del carico fiscale, anzi vi è un aumento per il 2022 e solo a partire dal 2023 che si cambia rotta. 

Rimane sostanzialmente invariata la spesa per il diritto alla salute, che probabilmente sarà tagliata dal confronto con il tavolo tecnico nazionale come spesso accade da anni.  

Preoccupa e, non poco, la diminuzione di spesa per i servizi sociali che subisce un taglio dell’82% e da questo punto di vista chiediamo un diverso passo per il finanziamento dei servizi sociali con un piano di graduale aumento della spesa per i prossimi anni. 

In sintesi – conclude Boccardo, siamo dinanzi a una manovra di Bilancio che rischia di non cogliere i problemi del Molise e dei molisani.  Come Uil ribadiamo la nostra disponibilità ad affrontare insieme il tema dello sviluppo economico sociale ed occupazionale. Noi siamo pronti non solo con proteste, ma con proposte concrete”.

spot_img
spot_img
spot_img

Più letti

Museo dei Misteri di Campobasso

Giornate Fai d’autunno: ecco i luoghi aperti in Molise

La manifestazione di scena sabato 15 e domenica 16 ottobre CAMPOBASSO. tutto pronto per l’11esima edizione della Giornate FAI (Fondo Ambiente Italiano) d’Autunno. Sabato 15...