HomeNotiziePOLITICA & ATTUALITA'Programmazione sanitaria, Toma ai sindacati: "Sfrutteremo tutte le opportunità"

Programmazione sanitaria, Toma ai sindacati: “Sfrutteremo tutte le opportunità”

Il Presidente della Regione ha incontrato stasera alcune associazioni di categoria: “Mantenimento ospedali importante, così come la funzionale integrazione tra pubblico e privato, ma non sono da escludere potenziamenti”.


La concertazione del Programma Operativo della Sanità 2022-2024 si avvia alla conclusione. Dopo Cgil, Cisl e Uil, il commissario Toma, il subcommissario Papa e il dg Salute Gallo hanno incontrato, in serata, le altre sigle sindacali del comparto sanità. Presenti, presso la Sala Parlamentino di Palazzo Vitale, i rappresentanti di Fials-Confsal, Fsi-Usae, Ugl e Usb.“Ci avviamo alla conclusione di un percorso caratterizzato da un confronto importante – afferma Toma – attraverso il quale abbiamo incontrato istituzioni, sindacati, ordini professionali, comitati, per ascoltare, dibattere, condividere temi e problematiche di cui faremo sintesi nell’elaborazione delle Linee di indirizzo della nuova programmazione sanitaria 2022-2024. Sono stati momenti di vera democrazia partecipativa, fondamentali per la costruzione di un sistema sanitario che non venga calato dall’alto ma, al contrario, parta dal basso, tenga conto delle reali esigenze dei molisani e offra loro assistenza e cure appropriate.

“Certo – ha proseguito – dobbiamo ancora fare i conti con le maglie strette del DM 70, che allargheremo, però, fin dove le norme consentono di fare, sfruttando tutti gli spazi. Nella proposta che formuleremo in sede di Tavolo tecnico interministeriale ci saranno la conservazione dell’attuale tipologia ospedaliera, con eventuali potenziamenti, e una funzionale integrazione tra pubblico e privato. Grazie alle risorse Pnrr, poi, abbiamo previsto investimenti su reti di prossimità, strutture e telemedicina per l’assistenza sanitaria territoriale, grandi apparecchiature e digitalizzazione ospedaliera, interventi per la messa in sicurezza.

“Questo – conclude il governatore – per quanto riguarda il livello tecnico-programmatico. Non abbandoniamo, però, l’opzione politica, che faremo valere nelle opportune sedi affinché il nuovo DM 70 possa dare maggiore libertà d’azione alla sanità molisana, come concordato con i sindacati intervenuti”.

spot_img
spot_img
spot_img

Più letti

A Montenero il primo Bau Day: giornata dedicata agli amici a...

In programma sabato 3 dicembre a partire dalle ore 10 MONTENERO DI BISACCIA. L’Amministrazione comunale di Montenero Di Bisaccia è lieta di annunciare l’imminente arrivo...