L’esame sarà eseguito presso l’obitorio dell’ospedale di Frosinone. La famiglia della vittima ha nominato il legale. Del caso si occuperà l’avvocato Danilo Leva


FROSINONE/CERRO AL VOLTURNO. Sarà l’autopsia a fornire elementi ulteriori e necessari per fare piena luce sulla morte di Romina De Cesare, la 36enne di Cerro al Volturno uccisa dall’ex compagno Pietro Ialongo nella casa in cui vivevano nel centro storico di Frosinone.

L’esame, come riporta Frosinone Today, è stato fissato per domani, venerdì 6 maggio, alle ore 10.30. Il magistrato Barbara Trotta della Procura di Frosinone ha conferito l’incarico al medico legale Gabriele Margiotta che, con il supporto della collega incaricata dalla procura di Latina Maria Cristina Setacci, dovrà stabilire se la giovane donna è morta per soffocamento – come ha riferito il 38enne reo confesso – o a causa delle coltellate che le sono state inflitte.

L’autopsia si svolgerà presso l’obitorio dell’ospedale ‘Fabrizio Spaziani’ di Frosinone. Sarà presente anche il medico legale e perito di parte nominato dalla famiglia De Cesare, Nicandro Bucceri di Isernia. 

La versione dei fatti fornita da Pietro Ialongo, in un lungo interrogatorio davanti ai magistrati Trotta e De Lazzaro, dovrà essere riscontrata dunque dai risultati scientifici.

La famiglia della vittima, intanto, ha nominato il proprio legale. Ad occuparsi del caso sarà l’avvocato Danilo Leva.