HomeEVIDENZAProtezione civile, arriva la stabilizzazione per i precari: il voto del Consiglio...

Protezione civile, arriva la stabilizzazione per i precari: il voto del Consiglio regionale

L’emendamento di Di Lucente, Micone e D’Egidio per i lavoratori della Sala operativa e del Servizio regionale, in molti casi in servizio da quasi 20 anni. Era già stata deliberata l’assunzione a tempo indeterminato anche per i dipendenti di Regione, Asrem e aziende partecipate


CAMPOBASSO. I precari della Protezione civile saranno stabilizzati. Lo ha deciso il Consiglio regionale, approvando nella sessione di bilancio un emendamento che va sulla stessa linea del provvedimento che prevede l’assunzione a tempo indeterminato dei dipendenti precari di Regione, enti strumentali e Asrem.

Il voto questo pomeriggio, con il sì dei consiglieri di maggioranza e del Pd (15 favorevoli). Astensione, invece, dai componenti del M5s, per i quali sulla base della Legge Madia si prevede già l’allargamento erga omnes del provvedimento di stabilizzazione generale anche ai precari della Sala operativa della Protezione civile e del relativo Servizio regionale, al lavoro – nella maggior parte dei casi – da quasi venti anni.

L’emendamento alla legge di Stabilità è stato sottoscritto dai consiglieri Andrea Di Lucente, Salvatore Micone e Armandino D’Egidio: esso prevede che la Giunta svolga ogni azione utile per valorizzare la specifica professionalità di questi lavoratori, che “ormai hanno 50-60 anni e che sono sempre in prima linea quando ci sono emergenze – hanno commentato i tre consiglieri firmatari dell’emendamento – Durante il periodo della pandemia hanno supportato le persone, distribuito mascherine, aiutato gli operatori sanitari. Per non parlare di situazioni altrettanto difficili come terremoti o alluvioni. Sono anche quelli che supportano i Comuni nelle allerte meteo, monitorano costantemente i pericoli. La loro è una professionalità che non trovi facilmente a portata di mano e che è stata ancor più consolidata nel corso del servizio prestato per la Regione. Non era possibile continuare a mortificare in questo modo lavoratori altamente specializzati, condannandoli ad un precariato infinito, come se quasi vent’anni di questa storia non fossero sufficienti” .

I lavoratori della Protezione Civile erano stati reclutati all’inizio del Duemila con una selezione decisa a livello nazionale, attraverso la quale si derogava alla normale procedura (cioè il concorso). Il motivo era legato alla particolare situazione emergenziale che in quel momento l’Italia si trovava a gestire. Da allora, di rinnovo in rinnovo, sono rimasti tra i precari storici dell’ente di via Genova.

“La Protezione Civile resta un servizio importantissimo per ogni regione. In Molise deve essere valorizzato con un segnale forte: non può reggersi sulle spalle di precari né possiamo permetterci di perdere la loro professionalità o di dissipare il bagaglio di esperienza che hanno messo insieme in questi vent’anni”, hanno concluso i tre consiglieri.

spot_img
spot_img
spot_img

Più letti

Bagnoli: tutto pronto per la XII Mostra del Presepe

Fino all'8 gennaio sarà possibile visitare il presepe artistico più grande del Molise BAGNOLI DEL TRIGNO. Tutto pronto per il presepe artistico più grande del...