HomeNotizieCULTURA & SPETTACOLIUnico molisano 'Giusto tra le Nazioni': l'omaggio di Capracotta a Osman Carugno

Unico molisano ‘Giusto tra le Nazioni’: l’omaggio di Capracotta a Osman Carugno

Intitolata la piazza e il giardino nella villa comunale al carabiniere-eroe che salvò 38 ebrei. Il sindaco Paglione: “Oggi tutti insieme abbiamo scritto una bella pagina per l’intera regione”. LE FOTO


CAPRACOTTA. È l’unico molisano riconosciuto ‘Giusto tra le Nazioni’ dallo Yad Vashem (l’ente nazionale israeliano per la memoria della Shoah) e oggi Capracotta, suo paese natale, ha voluto rendere omaggio a Osman Carugno, il maresciallo dei Carabinieri salvò dalla persecuzione nazista ben 38 ebrei di origine jugoslava, riuscendo a nasconderli per oltre un anno tra il 1943 e il 1944.

Lo ha fatto con l’intitolazione di una piazza e il giardino dei Giusti, all’interno della villa comunale. Cerimonia che si è tenuta alla presenza di numerose autorità e degli studenti.

“Un’emozione grande quella che abbiamo provato oggi a Capracotta con la commemorazione di Osman Carugno – evidenzia il sindaco Candido Paglione – Un doveroso omaggio per celebrare degnamente un figlio di Capracotta che si è distinto per un’azione di grande eroismo. Oggi, con l’intitolazione di una piazzetta e del giardino dei Giusti, all’interno della villa comunale, abbiamo fatto la cosa giusta. Lo abbiamo fatto con grande commozione, ma anche con sincera gratitudine, con la speranza di lasciare a chi verrà dopo di noi un messaggio chiaro contro ogni forma di intolleranza, di xenofobia e di antisemitismo. E abbiamo ribadito l’importanza di coltivare

la memoria, per evitare che le tragedie vissute possano ripetersi. È successo e non può essere dimenticato, perché potrebbe succedere ancora. Per questo vogliamo tramandare gli esempi morali che sono il pilastro della nostra identità di popolo democratico. Quella del maresciallo Osman Carugno è una storia bella, la storia di un’Italia minore che è quanto mai attuale ed emblematica nel mondo di oggi, così travagliato da problemi di convivenza tra culture ed etnie.

Capracotta è fiera e orgogliosa di aver dato i natali a quest’uomo che si oppose alla follia criminale nazista, anche rischiando la vita. Osman Carugno scelse da che parte stare e non girò la testa dall’altra parte.

Oggi, tutti insieme, abbiamo scritto davvero una bella pagina per Capracotta e per l’intero Molise”.

Deb. Div.

GUARDA LA FOTOGALLERY

Iscriviti al nostro gruppo Facebook ufficiale https://bit.ly/isNews_agora

isNews è anche su Telegram: clicca qui per iscriverti https://t.me/isnews_it

Per ricevere le nostre notizie su Whatsapp, clicca qui https://bit.ly/isnews_wa_iscrivimi e salva il contatto!

Più letti

Officine Cromatiche premio VI edizione

Officine Cromatiche, tutto pronto per la premiazione del VI Concorso Fotografico...

Ospite d’eccezione Stefano Mirabella, docente della Leica Akademie, che presenterà il suo lavoro ‘Questione di attimi” – La Street Photography’ ISERNIA. L’Associazione ‘Officine Cromatiche’, giunta...