Economia circolare, la nuova sfida del Gruppo Valerio: inaugurato il centro di ricerca Polymères

IL POLO TECNOLOGICO. Il polo tecnologico, centro di ricerca nel settore delle materie plastiche, è nato come start-up innovativa del Gruppo ed è situato a Pozzilli all’interno dell’ex sede dei laboratori Mossi & Ghisolfi. Una struttura di più di 2.700 metri quadrati prevista di lavoratori di ricerca all’avanguardia. L’obiettivo è quello di avviare progetti di ricerca e sviluppo finalizzati al recupero delle materie, al supporto delle imprese nella re-ingegnerizzazione dei processi e alla riduzione dell’impronta ecologica dei prodotti di largo consumo.

Il Centro di ricerca ex Mossi & Ghisolfi

Sono state analizzate, nel corso dell’incontro, le future prospettive del settore del riciclo in un’ottica di orientamento al riutilizzo dei materiali di scarto plastici soprattutto nel settore tessile e sono stati presentati i macchinari e i servizi tecnologici che il centro è in grado di offrire nel campo dell’analisi e del testing, della prototipazione del processing e compounding. Inoltre sono stati presentati i prossimi investimenti innovativi in programma nel centro, incentrati sulla viscosità per polimeri igroscopici, sulla misurazione delle proprietà di barriera su film e bottiglie e sulla produzione di filati innovativi a partire da Pet da post consumo.

Ma come funzionano nella pratica i macchinari per il processo di lavorazione? “Si parte dall’estrusore bivite – ha spiegato Giovanni Sonzogni, collaboratore dell’azienda – per la produzione del granulo. Nella bocca dell’alimentazione si inseriscono le materie prime che vengono fuse all’interno dell’apposito cilindro. Da lì escono gli ‘spaghetti’ che, dopo essere stati raffreddati nell’apposita vasca con acqua e aria, infine vengono mandati all’interno di una apposita taglierina, dove viene prodotto il granulo”.

L’estrusore bivite

Presente anche una pressa a iniezione. “All’interno della macchina – ha spiegato ancora Sonzogni – si inseriscono dei granuli, delle palline di plastica che, anche in questo caso vengono fuse in un cilindro molto simile a quello presente all’interno dell’estrusore bivite. Il materiale fuso viene iniettato all’interno di uno stampo Si lavora con quantitativi di 10-15 chili l’ora, mentre con l’estrusore si può arrivare a 50 chili. Tutto è ancora in via sperimentale per individuare quale sarà il materiale che sarà trasformato in tessuto”.

GUARDA IL VIDEO INTEGRALE DELL’INAUGURAZIONE

GUARDA LA FOTOGALLERY

Page: 1 2 3

Deborah

Recent Posts

Tutela della salute, il Molise fortemente insufficiente sulle performance sociosanitarie

Il risultato emerge dall'analisi condotta dai 104 esperti raggruppati dal C.R.E.A. Lo studio presentato oggi…

5 ore ago

Illuminazione intelligente per professionisti

Si tratta di un elemento cruciale nella creazione dell'atmosfera giusta per qualsiasi evento, sia esso…

6 ore ago

La Molisana Magnolia, anche la Polonia nel nuovo roster con Aleksandra Zięmborska

L’ala tra i riferimenti della sua nazionale nel 3x3 ha già incrociato Trimboli nelle tappe…

6 ore ago

Pesca, fermo obbligatorio: firmato il decreto

Il calendario prevede per Termoli lo stop dal 16 agosto al 29 settembre, ma dal…

6 ore ago

‘Estate all’Oasi 2024’, tutti gli eventi della riserva regionale Guardiaregia-Campochiaro

Tutto pronto per la sedicesima edizione GUARDIAREGIA-CAMPOCHIARO. Montagna, foreste, torrenti, canyon, grotte, cascate, lunghi sentieri adatti a tutti, aree…

6 ore ago

Stellantis, il Comitato esecutivo dello stabilimento di Termoli invoca la cassa integrazione

Dopo una riunione tra azienda e sindacati, decisa una pausa collettiva estiva dal 29 luglio…

7 ore ago