HomeNotizieCRONACAIsernia, rapina al Dok di San Lazzaro: sequestrato il direttore. La polizia...

Isernia, rapina al Dok di San Lazzaro: sequestrato il direttore. La polizia ferma tre persone

Due extracomunitari e un italiano, pizzicati mentre si nascondevano nel quartiere. Bottino di poche centinaia di euro


ISERNIA. Sono stati fermati dalla Squadra Volante della questura di Isernia tre uomini, due extracomunitari e un napoletano, autori questa mattina di una rapina a mano armata nel supermercato Dok di San Lazzaro. I tre hanno atteso l’apertura da parte del direttore, sequestrandolo e costringendolo a consegnare il residuo di cassa di inizio giornata, a quanto pare poche centinaia di euro, per poi darsi alla fuga nel quartiere.

Il direttore è riuscito comunque a dare tempestivamente l’allarme, con gli agenti della Volante che si sono precipitati sul posto e hanno cominciato a battere la zona, fino a individuare i responsabili, nascosti nella palazzina di fronte al supermercato, in attesa che si calmassero le acque.

Da informazioni apprese sul posto, l’immediato arrivo della prima Volante ha permesso di scovarli prima che fosse troppo tardi. La palazzina è stata circondata, permettendo di catturare subito un primo rapinatore, che aveva raggiunto la mansarda dell’edificio per nascondersi, ma senza esito. Subito dopo, sono stati rintracciati anche i due complici.

Fermati, sono stati portati in questura per l’identificazione. Sui due migranti si dovrà procedere ai rilievi per capire se sono regolari sul territorio o meno. Sequestrata anche la pistola utilizzata. Sul posto è al lavoro la Scientifica per accertamenti.

L’allarme sicurezza cresce esponenzialmente, in città: solo ieri era stato rapinato il Mister Risparmio di via XXIV maggio, da parte di un uomo armato di coltello che ha minacciato la commessa e portato via il registratore di cassa. Ma questa volta la polizia ha subito catturato gli autori.

AGGIORNAMENTO ORE 11.15. Il direttore del Dok è andato in ospedale per accertamenti, ma a parte lo spavento per lui nulla di grave. Attualmente si trova in questura insieme ad altri testimoni per la deposizione.

spot_img
spot_img
spot_img

Più letti

Scuola strumento di pace, la ‘Petrone’ premiata a Roma

Oggi la consegna del riconoscimento all’istituto di Campobasso. Ospite di spessore della manifestazione la scrittrice ungherese Edith Bruck, che si è congratulata personalmente con...