Notte prima degli esami per 2500 studenti molisani: ricordi e consigli dei maturandi di ieri

Toma invita al riposo ‘precauzionale’, Vinci rievoca il brindisi collettivo per esorcizzare l’ansia. L’appello di Gravina. “Non abbiate fretta di diventare grandi”


CAMPOBASSO/ISERNIA. Oggi rivestono ruoli di grande responsabilità e ogni giorno sono chiamati ad affrontare sfide e a risolvere problemi. Ma anche per loro c’è una notte ‘di lacrime e preghiere’ (per dirla con le parole di Antonello Venditti) mai dimenticata. È quella ‘prima degli esami’.

La stessa che stanno per vivere i circa 2500 studenti molisani che, da domani 22 giugno, saranno chiamati a sostenere il tanto atteso e temuto esame di maturità.

Il presidente della Regione Donato Toma, il sottosegretario alla presidenza della Giunta Roberto Di Baggio, il presidente della Provincia di Isernia Alfredo Ricci, il sindaco di Campobasso Roberto Gravina, il sindaco di Isernia Piero Castrataro, il vicesindaco di Isernia Federica Vinci e il dirigente scolastico dell’istituto San Giovanni Bosco di Isernia Giuseppe Posillico hanno raccontato a isNews la loro ‘notte prima degli esami’, dispensando qualche consiglio utile ai ragazzi che stanno per affrontare l’esame.

Parola d’ordine: vivere questi momenti al meglio, facendo tesoro di ogni singola emozione, perché questi giorni – e questa notte – resteranno impressi nella memoria di ognuno.