HomeNotizieCRONACABancarotta Geomeccanica, condanna a tre anni per l’ex presidente e due assoluzioni...

Bancarotta Geomeccanica, condanna a tre anni per l’ex presidente e due assoluzioni per i membri del Cda

La sentenza di primo grado a 12 anni dal fallimento della storica azienda di Venafro


ISERNIA. Due assoluzioni e una condanna a tre anni di reclusione con interdizione dai pubblici uffici: questa la sentenza di primo grado emessa ieri, a 12 anni dai fatti, dal tribunale di Isernia nei confronti dei membri del Consiglio d’amministrazione della Geomeccanica, storica azienda di Venafro dichiarata fallita nel dicembre 2010 che progettava, costruiva e commercializzava attrezzature e impianti nel settore della geotecnica, producendo, tra l’altro, macchinari per la trivellazione del sottosuolo e che ai tempi contava fino a circa 80 dipendenti.  

Assoluzione per Nicola Passarelli, difeso dall’avvocato Gianluca Giammatteo (nella foto), per non aver commesso e il fatto, e per Francesco Del Basso, “perché il fatto non sussiste”, assistito dal legale Gianni Perrotta. Condanna a tre anni, invece, per l’imprenditore Pietro Di Lauro, presidente del Cda e socio proprietario, rappresentato in giudizio dall’avvocato Lucio Epifanio, che starebbe già valutando di ricorrere in appello. Tutti loro erano accusati di bancarotta fraudolenta in concorso: secondo il pubblico ministero avevano sottratto circa 3mila euro come  saldo di cassa e rimanenze di magazzino merci per oltre 5 milioni di euro, pari alla differenza tra la merce disponibile in magazzino alla data del 31 dicembre 2009 (del valore complessivo di 13 milioni 943mila euro) e il totale delle vendite realizzate nello stesso anno.

La Regione Molise era proprietaria del 35 per cento delle quote societarie di Geomeccanica srl e aveva investito in essa qualcosa come 5,6 milioni di euro di fondi pubblici. La situazione di crisi della Geomeccanica era iniziata nel 2007, anno in cui l’azienda aveva un fatturato di 25 milioni di euro, terminando  con la dichiarazione di fallimento con un debito di circa 40 milioni di euro, di cui alcuni riguardavano i contributi dei lavoratori non pagati.

Iscriviti al nostro gruppo Facebook ufficiale https://bit.ly/isNews_agora

isNews è anche su Telegram: clicca qui per iscriverti https://t.me/isnews_it

Per ricevere le nostre notizie su Whatsapp, clicca qui https://bit.ly/isnews_wa_iscrivimi e salva il contatto!

Più letti

Jova Beach party più forte del maltempo: supershow con Morandi e...

Grande spettacolo a Vasto: nel pomeriggio vento e pioggia fanno slittare di qualche ora il concerto, ma l’attesa è stata ripagata VASTO. Il maltempo lo...