HomeNotizieCULTURA & SPETTACOLIL’impegno di Castelbottaccio nel progetto Viva Vittoria

L’impegno di Castelbottaccio nel progetto Viva Vittoria

Un’opera condivisa per ‘dire no’ alla violenza. Presenti, tra gli altri, l’associazione ispirata alla figura della baronessa Olimpia Frangipane Ricciardi e il Cav Liberaluna.


CASTELBOTTACCIO. Sabato scorso, la professoressa Pina Sallustio e Sabina Niro, presidente dell’associazione ispirata alla figura della baronessa Olimpia Frangipane Ricciardi, hanno ospitato nel Comune di Castelbottaccio il progetto Viva Vittoria Campobasso. L’Associazione ha come fine la diffusione della cultura mediante convegni, assemblee, proiezioni e mostre.

La presidente Niro, nel ricordare il femminicidio degli anni 80 avvenuto nella piccola comunità locale, ha ringraziato le professioniste del Centro Anti Violenza Liberaluna, che offrono a tutte le donne vittime di violenza un servizio di qualità per sostenerle.

All’evento erano presenti la presidente dell’associazione Liberaluna Onlus, Maria Grazia La Selva e Emanuela Teresa Galasso, vicepresidente e psicologa del Cav Liberaluna che ha sede a Campobasso e opera in tutto il territorio molisano. La violenza sulle donne va prevenuta rendendo consapevoli tutti della possibilità di contribuire a questa battaglia facendo rete. L’intera comunità si è mostrata partecipe consegnando i ‘quadrati’ realizzati da molte signore del paese e dalla famiglia Sallustio. Presente anche il sindaco di Lupara, Pasqualino Morinelli, che è intervenuto ricordando l’importanza della collaborazione nella concretezza di azioni non solo simboliche.  Castelbottaccio come altri comuni molisani parteciperà al grande evento che si terrà il 20 novembre in piazza Vittorio Emanuele a Campobasso per ‘dire no alla violenza’ sulle donne attraverso l’opera relazionale condivisa di Viva Vittoria.

Il tour del progetto Viva Vittoria Campobasso, patrocinato dall’amministrazione comunale, prosegue coinvolgendo il Molise ed anche altre regioni, che stanno lavorando per la realizzazione dei ‘quadrati’ di coperte che confluiranno tutte in uno Spazio in via Ziccardi n. 10 dove, le persone che vogliono collaborare si possono recare per procedere alla cucitura. 

spot_img
spot_img
spot_img

Più letti

Scuola strumento di pace, la ‘Petrone’ premiata a Roma

Oggi la consegna del riconoscimento all’istituto di Campobasso. Ospite di spessore della manifestazione la scrittrice ungherese Edith Bruck, che si è congratulata personalmente con...