Vitello in fuga abbattuto nella zona industriale, la condanna degli animalisti: cruenta esecuzione

Cacciatore Ansa

Il coordinamento delle associazioni chiede le motivazioni che hanno portato i sanitari ad adottare questa soluzione


CAMPOBASSO. Vitello in fuga abbattuto nella zona industriale di Campobasso: arriva la condanna del coordinamento molisano delle associazioni animaliste, che prende le distanze “dalla cruenta esecuzione da parte del servizio veterinario del capoluogo”.

“La superficialità con cui è stata presa tale decisione contrasta nettamente con la realtà dei fatti – si legge in una nota degli animalisti – Il povero animale, terrorizzato si era rifugiato in un terreno non creando assolutamente più problemi di pubblica sicurezza. La soluzione ‘ideata’ dai responsabili sanitari di far intervenire un cacciatore per abbattere l’animale, a parere di questo coordinamento è risultata alquanto inadeguata, crudele e sintomo di una incapacità decisionale ed organizzativa di tutto il settore veterinario coinvolto”.

Il coordinamento chiede le motivazioni che hanno spinto i sanitari intervenuti “ad attuare tale estrema soluzione, e chiede, inoltre, se sono state considerate soluzioni alternative, che avrebbero potuto evitate la morte dell’animale come quella di coinvolgere le associazioni animaliste che avrebbero sicuramente riservato un diverso destino all’animale, il coordinamento chiede ancora di conoscere per quale motivo in tutta la regione Molise non ci sia a disposizione una carabina munita di anestetici per far fronte a tali situazioni di emergenza”.

(Foto archivio Ansa)