HomeEVIDENZAForza Italia a Roma senza Toma. Il governatore: “Caso creato ad arte,...

Forza Italia a Roma senza Toma. Il governatore: “Caso creato ad arte, sento sempre Berlusconi e Tajani”

Le parole del presidente della Regione sulla foto della delegazione regionale senza di lui, che qualcuno ha interpretato come un possibile ‘avviso di sfratto’, in vista delle ricandidature per le Regionali del 2023


di CARMEN SEPEDE

CAMPOBASSO. La foto del ‘caos’. O anche la foto del caso. “Un caso che forse è stato voluto”, così il governatore Donato Toma ha voluto commentare quello che è diventato uno scatto famoso. La delegazione regionale di Forza Italia con il coordinatore nazionale Antonio Tajani e i ministri azzurri.

In rappresentanza del Molise i vertici regionali del partito: l’eurodeputato Aldo Patriciello, la coordinatrice Annaelsa Tartaglione, l’assessore regionale Nicola Cavaliere, da poco nominato capo delle delegazione azzurra alla Regione, il sottosegretario Roberto Di Baggio e il consigliere Armandino D’Egidio. Oltre ai due coordinatori provinciali Francesco Roberti e Raimondo Fabrizio.

La foto che ha ingenerato il ‘caso’

Tra l’oro un’assenza. Perché Toma non c’era. E qualcuno ci ha visto un messaggio subliminale. Una sorta di ‘avviso di sfratto’, per una possibile ricandidatura alle Regionali del prossimo anno. O anche per una discesa in campo alle Politiche.

Presidente, cosa ha pensato quando ha visto quella foto?

“Che si è creato un clamore che non comprendo. O forse lo comprendo, se devo pensare che è stato creato ad arte. Mi chiedo chi ha costruito questa polemica, su una questione che non esiste e che mi fa anche sorridere. Non lo so, voglio approfondire. Mi è stato detto che si trattava di una riunione tecnica per organizzare la campagna elettorale e alle riunioni tecniche di questo tipo i governatori non partecipano. Mi risulta che l’altro giorno a Roma c’erano le delegazioni di Forza Italia di quattro regioni ed è uscita solo la foto del Molise. Perché gli altri non hanno pubblicato niente? Poi, da parte mia, se dovessi far circolare le foto di tutti gli incontri che faccio io con Tajani sa quante ne dovrei pubblicare”.

Qualcuno ha posto il dubbio che la sua assenza sia dovuta alla mancata iscrizione a Forza Italia e al fatto che lei non faccia parte del direttivo regionale del partito

“Io non ho la tessera del partito, ma come governatore ho dato da subito l’adesione a Forza Italia, questa è la prassi che si richiede ai presidenti. Io non faccio parte del direttivo regionale, ma sono componente del Comitato dell’Ufficio di presidenza nazionale. Alle riunioni partecipo, e partecipo spesso, perché mi invita personalmente Silvio Berlusconi, prima con una telefonata e poi con una nota ufficiale. Con Berlusconi i rapporti sono ottimi, ci sentiamo spesso”.

Ma c’è stata qualche frizione interna con i vertici regionali di Forza Italia?

“No, nessuno screzio. Né con il capo delegazione Cavaliere, che è un assessore della mia Giunta, né con la coordinatrice e deputata Annaelsa Tartaglione. Né con altri”.

Quindi lei non si è posto il dubbio che il partito non abbia deciso di supportarla per un’eventuale ricandidatura alle Regionali del 2023? Anche perché lei ha sempre detto che vorrebbe ripresentarsi agli elettori per portare avanti il programma di governo avviato

“Questa è un’altra storia. Questo l’ho detto e lo ribadisco. Ma in ogni modo le candidature dei governatori non si decidono in regione ma le stabilisce il Comitato nazionale”.

E in proposito lei ha detto che Berlusconi le ha detto che vuole che vada avanti. Lo sentirà anche in questi giorni?

“Con Berlusconi parliamo spesso. Non credo però che in questi giorni lo chiamerò, visto che è molto impegnato per la presentazione delle liste. Credo che lo sentirò dopo Ferragosto”.

E su un’eventuale sua candidatura alle Politiche?

“Se è necessario e se il partito me lo chiede sono disponibile, ma ad oggi non sono stato interpellato. Ad ogni modo sarà sempre il Comitato dell’Ufficio di presidenza nazionale a decidere se serve il contributo dei governatori. Non solo il mio, quindi, ma quello di tutti i governatori di Forza Italia. Quindi aspetto eventuali decisioni”.

spot_img
spot_img
spot_img

Più letti

Carnevale delle maschere zoomorfe, si comincia: arrivati a Isernia i gruppi...

Grande festa con gli oltre 300 figuranti pronti a portare per le vie della città suoni, musiche, canti e tutta la forza delle loro...