HomeNotizieLavoro e bandiNovità 2022 in ambito sicurezza sul lavoro

Novità 2022 in ambito sicurezza sul lavoro

Nel 2022 sono stati apportati importanti aggiornamenti al cosiddetto Testo Unico, la normativa di riferimento per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro. Il Testo Unico è stato infatti redatto a approvato nel 2008 (si tratta, più dettagliatamente, del Decreto Legislativo numero 81 del 2008) ma da allora sono stati apportati aggiornamenti periodici. Quelli del 2022 comportano alcuni cambiamenti per quanto riguarda gli obblighi del datore di lavoro.

Formazione del datore di lavoro

La novità più importante del 2022 in materia di sicurezza sul lavoro riguarda proprio la formazione del datore di lavoro. Finora, se il datore di lavoro non ricopriva ruoli di responsabilità in materia di sicurezza, non era obbligato a frequentare alcun corso di formazione.

L’unico caso corso di formazione previsto per il datore di lavoro era quella di RSPP, da frequentare obbligatoriamente solo nel caso in cui il datore di lavoro ricoprisse quel ruolo all’interno della propria impresa. Per il resto, l’unico obbligo del datore di lavoro era la nomina delle figure responsabilità in materia di sicurezza: medico competente, RSPP, SLR, preposto e così via…

Con gli aggiornamenti del 2022 le cose cambiano: restano gli obblighi per quanto riguarda le nomine di medico competente, RSPP e altri, ma si aggiunge l’obbligo per il datore di lavoro alla frequenza di un corso di formazione in sicurezza sul lavoro, anche nel caso in cui il datore di lavoro non ricopra il ruolo di RSPP.

Con questa novità, tutto il quadro normativo diventa più coerente: il datore di lavoro, anche non ricoprendo alcun ruolo “ufficiale” nel campo della sicurezza, è sempre e comunque responsabile in materia di sicurezza sul lavoro. Sua responsabilità sono le nomine, per esempio, sua è la firma sul Documento Valutazione Rischi, egli è tenuto a indire la riunione periodica sulla sicurezza.

A tale responsabilità, con le novità del 2022, corrisponde una adeguata formazione.

Formazione del preposto

Quella del Preposto è una figura che, all’interno dell’azienda, svolge una attività di sovrintendenza che garantisce che le attività stesse seguano le indicazione del datore di lavoro.

Con gli aggiornamenti del 2022, anche gli obblighi di formazione del Preposto cambiano. In particolare, anche per i soggetti che ricoprono questo ruolo sono ora previsti corsi di formazione obbligatori.

Sanzioni mancata formazione

Sia per la mancata formazione del datore di lavoro che del preposto sono previste sanzioni pecuniarie e addirittura l’arresto fino a 4 mesi.

Lavoro irregolare

Novità altrettanto importanti sono state introdotte nel Testo Unico anche per quanto riguarda la presenza di lavoratori irregolari in azienda.

Le pene in caso di presenza di lavoratori irregolari sono state inasprite: se il loro numero supera il 10% del personale presente in azienda (non più il 20%, come era previsto in precedenza), è prevista la sospensione dell’attività economica e lavorativa.

Iscriviti al nostro gruppo Facebook ufficiale https://bit.ly/isNews_agora

isNews è anche su Telegram: clicca qui per iscriverti https://t.me/isnews_it

Per ricevere le nostre notizie su Whatsapp, clicca qui https://bit.ly/isnews_wa_iscrivimi e salva il contatto!

Più letti

Jova Beach party più forte del maltempo: supershow con Morandi e...

Grande spettacolo a Vasto: nel pomeriggio vento e pioggia fanno slittare di qualche ora il concerto, ma l’attesa è stata ripagata VASTO. Il maltempo lo...