HomeEVIDENZAIsernia, 14 assunzioni del Comune: dirigenti, funzionari e istruttori nei prossimi due...

Isernia, 14 assunzioni del Comune: dirigenti, funzionari e istruttori nei prossimi due anni

Più 22 contratti a tempo determinato. Passano in Consiglio comunale il Documento unico di programmazione che contiene il Piano di fabbisogno del personale e il bilancio di previsione 2022-24. Il sindaco Castrataro: via le strisce blu, non servono alla città


ISERNIA. Prossima alla fine la carenza di personale al Comune di Isernia, grazie al voto favorevole al Dup, il Documento unico di programmazione 2022-24, e al bilancio di previsione valido per lo stesso triennio, il primo dell’amministrazione guidata dal sindaco Piero Castrataro.

Come spiegato durante il Consiglio comunale di oggi pomeriggio dall’assessore al Bilancio Angelo Iannone, l’ente ha una pianta organica di circa 90 dipendenti, di cui circa 20 di livello A, il più basso del contratto collettivo degli enti locali, più altri 25 di categoria B. Mancano dunque istruttori di categoria C e funzionari di categoria D, che sono poi le persone che spesso ricoprono il ruolo di Rup, responsabili unici dei procedimenti. Ovvero, figure indispensabili per l’efficace gestione dei procedimenti amministrativi. Dal punto di vista dei dirigenti, inoltre, Iannone ha ricordato come a Palazzo San Francesco ce ne siano solo due (Antonello Incani a capo del Settore Finanze e il segretario generale Vito Tenore), ma l’esigenza sarebbe quella di averne almeno un terzo.

Nel piano triennale del fabbisogno personale, obbligatorio per legge a corredo del Dup, l’amministrazione  ha pertanto deciso di assumere 14 unità nel triennio 2022-24, così scaglionate: per il 2022 un dirigente del Settore tecnico, un comandante della Polizia municipale di categoria D, 3 unità di categoria C nell’ambito dei vigili urbani, 2 unità C nel settore di gestione del personale; per il 2023 sono previste ulteriori assunzioni, in particolare la trasformazione di 2 unità di personale da part-time a full time (nelle figure di assistenti sociali), 3 figure di categoria C nell’ambito del Settore tecnico, 1 unità D a tempo determinato dell’ex Agenzia per la coesione, 2 passaggi da categoria B a C tramite progressioni verticali, 2 unità nel Settore affari generali e servizi al cittadino; nel 2024, l’assunzione di un’ulteriore unità nell’ambito dell’ufficio legale.

“Abbiamo deciso di destinare risorse – ha sottolineato ancora Iannone – dal 2023, per aumentare di due ore tutte le categorie A in part-time fino alla concorrenza delle 34 ore. Infine, nel Dup destineremo risorse per portare a termine i progetti della vecchia amministrazione come Cis, bando periferie, strategia area urbana, rigenerazione urbana, per i quali sono stati già ottenuti finanziamenti, oltre che destinare risorse nei vari servizi e missioni previste all’interno del bilancio come sociale, turismo, sport, manutenzione, decoro, energia, ricerca fonti di energia alternativa”.

Il sindaco, dal canto suo, ha replicato come nel Dup ci siano cose ‘che non si vedono’: “È scaduto il bando delle mense, ma io ne voglio uno innovativo, per fornire cibi di qualità ai nostri bambini con prodotti biologici e del territorio. A breve ci sarà il nuovo sito del Comune di Isernia, con il Suap che avrà uno sportello digitale che consentirà di inviare le pratiche comodamente da casa. Circa la piscina, che ereditiamo dalla vecchia amministrazione, vi dico che tra due-tre settimane approveremo in Giunta la delibera che rende la struttura autosufficiente dal punto di vista energetico grazie a un progetto da 400mila euro che va al Gestore dei servizi energetici. A giorni avremo il risultato positivo per  una nuova palestra da 500 posti vicino allo stadio; spostiamo l’area lanci per non far ‘bucare’ quel campo dai vari lanci del peso; rifaremo sia l’antistadio che lo stadio con una variazione al bilancio, realizzeremo un bike park per insegnare ai bambini ad andare in bici e soprattutto ci sarà un percorso per le persone disabili. Quanto allo sviluppo, parte più difficile, dovremo fare in modo che la città non perda più abitanti. Nei prossimi mesi porteremo in Consiglio comunale la realizzazione di una fondazione di comunità che includerà il nostro Comune, alcuni enti locali della provincia di Isernia e non solo e alcuni privati per investire sul territorio nel sociale e nella cultura con la partecipazione di ‘Fondazione con il Sud’, creata dalla fondazioni bancarie, per fare in modo che ci sia un modo più snello per operare in questi ambiti. Vogliamo dare una casa a coloro che non la hanno, abbiamo salvato ad hoc un finanziamento regionale da 500mila euro per sei alloggi comunali e altri sei sono compresi nel bando periferie. Abbiamo trovato risorse per 14 persone a tempo indeterminato e  22 a tempo determinato, non è un caso. Probabilmente – ha concluso Castrataro – non ci saranno più le strisce blu perché la città non ne ha bisogno, e faremo il Piano urbano per la mobilità sostenibile che comprenderà altre piste ciclabili. Questo Dup, ritengo, sarà la svolta della città”.

Il documento è passato con 21 voti favorevoli, 5 gli astenuti e 3 i contrari.

Contestazioni più o meno pacate dall’opposizione: Giovancarmine Mancini di Alleanza per il Futuro ha lamentato l’assenza di visione e l’aumento delle tariffe idriche. Linda Dall’Olio (Forza Italia), a parte il personale, ha detto di non aver visto “nulla di nuovo. Io ho letto il vostro programma durante le elezioni e ho visto delle cose che erano quantomeno nuove, che però in questo bilancio purtroppo non trovo. Vedo l’ordinario, il mandare avanti quello che era già fatto da noi”. Marco Amendola (Iris), con un’apertura verso il lavoro fatto dall’amministrazione, ha invece evidenziato la necessità di programmare una serie di incontri programmatici non soltanto all’interno del Consiglio comunale, ma anche all’esterno, “per far emergere una un’idea di sviluppo, un’idea di città, un’idea di amministrazione che sia più larga possibile e condivisibile. Se c’è un’idea che va incontro a quelli che sono gli interessi della città – ha concluso – credo che sia difficile anche per chi sta da quest’altra parte dire di no a prescindere”.

Per quanto riguarda il bilancio di previsione, esso è stato approvato con 21 voti favorevoli, 2 contrari e 5 astenuti.

spot_img
spot_img
spot_img

Più letti

Adriano Ferraiolo: “Sì, mi sento campobassano. E quella volta con Peppino...

Intervista con il maestro del teatro dei burattini che ieri ha ricevuto la settima cittadinanza onoraria: “Posso dire che è la più sentita. Sono...