HomeNotiziePOLITICA & ATTUALITA'Campobasso città meno cara d’Italia: inflazione al 6,9% e spesa aggiuntiva di...

Campobasso città meno cara d’Italia: inflazione al 6,9% e spesa aggiuntiva di 1.263 euro a famiglia

A Trento e Bolzano il record del caro prezzi, con aumenti di 2.521 euro. E c’è preoccupazione per l’incremento dei prezzi dei prodotti alimentari


CAMPOBASSO. Campobasso è la città meno cara d’Italia. Un primato positivo, quello che spetta al capoluogo molisano e che viene fuori dalla classifica dell’Unc, l’Unione nazionale consumatori, sulla base dei dati Istat di luglio.

Una classifica da cui emerge che le città più care sono Trento e Bolzano, le cui famiglie saranno costrette a sborsare 2.521 euro in più all’anno. Non si tratta più soltanto di aumenti dell’energia: l’Istat ha confermato che la crescita dei prezzi del cosiddetto ‘carrello della spesa’, che si porta a +9,1%, registra un aumento che non si osservava da settembre 1984.

A Trento e Bolzano l’inflazione viaggia attorno al 10%, la più alta d’Italia. A Bologna è all’8,6%, e comporta un aumento della spesa di 2.145 euro, mentre a Firenze si registra un +8,6% per 2.006 euro in più.

La città più virtuosa è Campobasso, con un’inflazione del 6,9% e una spesa aggiuntiva per una famiglia pari a 1.263 euro. Seguono Catanzaro (+7,1%, +1.326 euro) e Bari (+7,8%, +1.354 euro). A Roma c’è un’inflazione al 7,5%, inferiore alla media nazionale, con una spesa maggiore di 1.756 euro rispetto all’anno scorso. A Napoli i prezzi sono aumentati del 7,6% e la spesa è maggiorata di 1.538 euro. Segue la Lombardia, dove la crescita dei prezzi del 7,7% implica un’impennata del costo della vita pari a 2.001 euro.

Intanto Coldiretti fa i conti: gli italiani spenderanno 564 euro in più solo per la tavola nel 2022, non solo per l’inflazione ma anche a causa del taglio dei raccolti per la siccità. I prezzi della frutta fresca aumentano su base annua del +8,8% – continua Coldiretti – mentre quelli dei vegetali freschi del +12,2%. La categoria per la quale si spenderà complessivamente di più è pane, pasta e riso, con un esborso aggiuntivo di quasi 115 euro, mentre carne e salumi costeranno 98 euro in più rispetto al 2021 e le verdure aumenteranno di 81 euro.

spot_img
spot_img
spot_img

Più letti

Macchia DiVino, due giorni di eventi e successi per la 49esima...

Musica, prelibatezze locali ma soprattutto tanto vino ad allietare i visitatori, lungo le vie del borgo antico. Successo confermato per il percorso enogastronomico e...