HomeNotiziePOLITICA & ATTUALITA'Lotito a Trivento: “Sanità e spopolamento urgenze in Molise”. E incontra gli...

Lotito a Trivento: “Sanità e spopolamento urgenze in Molise”. E incontra gli operatori del 118

Il candidato al Senato nel collegio uninominale Molise ieri sera nel centro trignino. Accolto dal sindaco Pasquale Corallo e dai cittadini.


Dopo aver fatto visita alla curia di Trivento nei giorni scorsi, Claudio Lotito è tornato ieri sera nel centro trignino che, come è noto, fa parte di un Molise interno particolarmente esposto alla piaga dello spopolamento. Accolto con entusiasmo dal sindaco Pasquale Corallo, Lotito ha incontrato la comunità locale, scambiato impressioni con i cittadini ed è intervenuto nella sala consiliare di fronte a una platea numerosa e partecipe. Con lui gli altri candidati di Forza Italia Lorenzo Cesa, Nicola Cavaliere e Annaelsa Tartaglione. In sala anche in consiglieri regionali di centrodestra Vincenzo Niro e Gianluca Cefaratti e alcuni amministratori dei comuni limitrofi. “Sanità e infrastrutture sono le nostre priorità per il Molise. L’isolamento dei paesi regionali merita una risposta pronta e certa. I parlamentari uscenti non hanno mosso un dito per questo territorio. Io, in queste prime due settimane di permanenza, ho già toccato con mano questi problemi e, con determinazione, cercherò di trovare soluzioni e rimettere il Molise in carreggiata. Lo spopolamento, e lo scoramento dei cittadini che si sentono dimenticati sui tavoli romani, sono problemi seri ma risolvibili. C’è bisogno di una cabina di regia a Roma per chiedere quello che spetta a tutti voi. Io sarò in Parlamento per difendere queste necessità e per rispondere alle urgenze.

“La dotazione del Molise per la sanità è gravemente insufficiente. Mi batterò per rimodularla affinché tutti i molisani tornino a essere cittadini di serie A, cioè si riprendano ciò che gli spetta come diritto costituzionale e come dovere sociale e morale” ha proseguito.  

A margine dell’incontro Lotito si è soffermato con alcuni cittadini, tra gli altri gli operatori locali del 118. “Prima di tutto la sanità è fatta da donne e uomini che lavorano duramente sul territorio. La professionalità e l’umanità di chi lavora in questo settore sono valori imprescindibili per ripartire” ha detto prima di fare con loro, e con il sindaco Corallo (che è medico) una foto finale che è di fatto il manifesto della sua seconda visita a Trivento. Poi tanta empatia e contatto umano e un altro ‘scatto’ con due tifosi locali della Lazio (foto).

spot_img
spot_img
spot_img

Più letti

Poste, un annullo filatelico per la ‘Ndocciata di Agnone

Il servizio temporaneo sarà attivato sabato AGNONE. Come annunciato nei giorni scorsi dal sindaco Daniele Saia, in occasione della ‘Ndocciata di Agnone in programma sabato...