HomeNotiziePOLITICA & ATTUALITA'Radioterapia, Gemelli replica a Toma: “Senza il Tar bloccate prestazioni importanti, fiduciosi...

Radioterapia, Gemelli replica a Toma: “Senza il Tar bloccate prestazioni importanti, fiduciosi in una soluzione”

Le parole del presidente Stefano Petracca, che precisa in merito alle dichiarazioni fatte dal commissario alla sanità, che oggi ha detto che la struttura non carica le prenotazioni sul Cup


CAMPOBASSO. Radioterapia a rischio sospensione, il presidente del Gemelli Molise Stefano Petracca interviene dopo le dichiarazioni fatte in conferenza stampa dal commissario alla sanità Donato Toma e dal sub commissario Giacomo Papa. E ribadisce che la struttura “farà ogni sforzo per garantire ai pazienti molisani tutte le cure necessarie e a tal fine opererà con la massima sinergia con la struttura commissariale per la ricerca di soluzioni che possano rendere più efficiente e efficace la risposta di salute regionale”.

Alla rassicurazione seguono però delle precisazioni. “Se non fosse intervenuto il decreto del Presidente del Tar Molise del 16 settembre 2022 – ha affermato Petracca – dal prossimo lunedì al Gemelli sarebbe stato vietato di erogare importantissime e fondamentali prestazioni di specialistica ambulatoriale indispensabili al trattamento di patologie oncologiche o cardiologiche, con gravissimo e irreparabile pregiudizio per i pazienti molisani”.

“Affermare di non avere tutti i dati a disposizione – ha aggiunto – si scontra con l’oggettiva circostanza che il provvedimento dell’8 settembre (quello di sospensione delle attività di specialistica) è stato emanato ‘a sorpresa”’, senza il coinvolgimento del Gemelli e senza aver preventivamente chiesto a quest’ultimo i dati relativi alle prestazioni prenotate e alle tipologie dei pazienti bisognosi di cura. Tale sorprendente carenza di istruttoria appare difficilmente giustificabile se si considera che, come ammesso dallo stesso commissario, la problematica era nota alla struttura commissariale da tempo e quindi per tempo andavano approfondite possibili soluzioni dirette a salvaguardare la salute dei pazienti, soprattutto quelli più fragili”.

“In ogni caso – ancora le parole di Petracca – i dati richiesti sono stati tempestivamente forniti il 14 settembre secondo le modalità individuate dalla struttura commissariale, e ciò nonostante la sospensione dell’8 settembre non è stata modificata né sono state individuate soluzioni alternative. La struttura commissariale solo ieri sera venerdì 16 settembre 2022 ha chiesto al Gemelli di comunicare entro lunedì 19 le prenotazioni non collegate alle patologie oncologiche e cardiologiche. Ovviamente Gemelli provvederà a fornire i dati richiesti, con la convinzione che la struttura commissariale riuscirà tempestivamente a comunicare ai pazienti interessati le modalità e i tempi entro cui le prestazioni sanitarie necessarie saranno loro garantire”.

“Il Gemelli Molise – ha concluso – attende con serenità la camera di consiglio che si terrà il 5 ottobre e ripone fiducia nel lavoro che la struttura commissariale sicuramente svolgerà per giungere alla soluzione della problematica prima della detta udienza”.

spot_img
spot_img
spot_img

Più letti

Campomarino, tutto pronto per la presentazione de ‘Il Rianimatore’

Appuntamento per domenica 27 novembre CAMPOMARINO. Continuano le iniziative culturali dell’Istituzione Centro Servizi Turistici e Culturali del Comune di Campomarino. Domenica 27 novembre alle h....