Lo ha stabilito il Comune di Agnone per l’evento dell’8 dicembre che slitta definitivamente al secondo sabato del mese


AGNONE. Avere la possibilità di accogliere il maggior numero di visitatori. Per questo, in via definitiva la ‘Ndocciata dell’8 dicembre slitta in via definitiva al secondo sabato del mese di dicembre.

Lo ha comunicato il Comune di Agnone, a seguito di riunioni promosse dall’ente che hanno visto la partecipazione dell’associazione ‘La Ndocciata di Agnone – Patrimonio d’Itala per la Tradizione’, dell’associazione Turistica ‘Pro Loco’ e di tutte quelle che operano sul territorio, nonché i rappresentanti del mondo imprenditoriale, commerciale, turistico e ricettivo.

“Si è arrivati a tale decisione – si legge in una nota del Comune – nell’ottica di poter accogliere ad Agnone il maggior numero di turisti, cercando di allietare il loro soggiorno con ulteriori eventi che faranno da corollario alla ‘Ndocciata rendendo le tre giornate un ‘fine settimana del fuoco’.

A partire da quest’anno il mese di dicembre sarà caratterizzato da manifestazioni legate ad altri riti del fuoco, che vedranno la partecipazione dei Comuni di Belmonte del Sannio, Oratino, Montefalcone nel Sannio e Civitanova del Sannio in virtù del protocollo d’intesa dei ‘Riti Cerimoniali del Fuoco’ sottoscritto lo scorso 2021 con l’obiettivo comune di promuove retutto il Molise a livello internazionale e di lavorare al riconoscimento delle tradizioni legate al fuoco come patrimonio immateriale Unesco”.

Rimane, invece, invariata la data della tradizionale‘Ndocciata del 24 dicembre.