HomeNotiziePOLITICA & ATTUALITA'Il Consiglio dei Ministri impugna 7 leggi del Molise: c’è anche quella...

Il Consiglio dei Ministri impugna 7 leggi del Molise: c’è anche quella sulla stabilizzazione dei precari del Covid

Il provvedimento della Regione, giudicato in contrasto con le norme statali e della Costituzione, prorogava di sei mesi, fino al 31 dicembre 2022, il termine per maturare i 18 mesi di servizio necessari per l’assunzione a tempo indeterminato


CAMPOBASSO. Il Consiglio dei Ministri, su proposta del Ministro per gli affari regionali e le autonomie, Mariastella Gelmini, ha impugnato sette leggi della Regione Molise, perché in contrasto con le norme statali e della Costituzione.

La prima legge ad essere impugnata è la numero 13/2022 relativa alla ‘Stabilizzazione del personale sanitario precario, in attuazione della legge 30 dicembre 2021, n. 234’. Si tratta della famosa legge, primo firmatario il consigliere Michele Iorio, che prevedeva la possibilità per gli infermieri e gli operatori sanitari, impiegati nella prima fase della pandemia da Covid-19, di maturare i 18 mesi di servizio necessari per l’assunzione a tempo indeterminato entro il 31 dicembre 2022.

Sei mesi in più, rispetto alla scadenza nazionale del 30 giugno 2022, per consentire ai circa 180 lavoratori interessati di maturare il diritto alla stabilizzazione, visto che in un primo momento erano stati assunti dall’Asrem non con contratti a tempo determinato, ma a partita Iva.

Qualche settimana fa il Consiglio dei Ministri ha presentato delle osservazioni alla legge, a cui hanno fatto seguito, su indicazioni dello stesso Iorio e per tramite della Giunta regionale, delle contro osservazioni al Governo. Che evidentemente non le ha accolte e che ha deciso di seguire la strada dell’impugnativa della legge, con la Regione Molise che potrà a questo punto continuare a difendere la propria posizione alla Corte Costituzionale.

Le altre leggi impugnate dal Consiglio dei Ministri sono tutti riconoscimenti di debiti fuori bilancio: la legge 14/2022 sul ‘Riconoscimento della legittimità dei debiti fuori bilancio ai sensi dell’articolo 73, comma 1, lettera e), del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118 e ss.mm.ii (derivante dai servizi per il T.P.L. ferroviario resi da Trenitalia S.p.A. nell’anno 2020)’; legge 15/2022 ‘Riconoscimento della legittimità dei debiti fuori bilancio ai sensi dell’articolo 73, comma 1, lettera e), del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118 e ss.mm.ii., derivante dal servizio fonia e connettività reso da Fastweb S.P.A. nell’anno 2020’: legge 16/2022 ‘Riconoscimento della legittimità dei debiti fuori bilancio ai sensi dell’articolo 73, comma 1, lettera e), del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118 e ss.mm.ii., derivante dal servizio pubblico essenziale, quale la fornitura di connettività e sicurezza nell’ambito del sistema pubblico di connettività reso da Olivetti S.p.A. nell’anno 2017 e 2019’; legge del 17/2022 ‘Riconoscimento della legittimità dei debiti fuori bilancio ai sensi dell’articolo 73, comma 1, lettera e), del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118 e ss.mm.ii., derivante dal Servizio Fonia Fissa reso da TIM S.p.A. nell’anno 2020’; legge 18/2022 ‘Riconoscimento della legittimità del debito fuori bilancio, ai sensi dell’articolo 73, comma 1, lettera e), del d. lgs. 23/06/2011, n.118 e ss.mm.ii.. Ditte TPL extraurbano – altre fatture 2020’; legge 19/2022 ‘Riconoscimento della legittimità del debito fuori bilancio, ai sensi dell’articolo 73, comma 1, lettera e), del d.lgs. 23/06/2011, n.118 e ss.mm.ii.. Ditte TPL extraurbano’.

spot_img
spot_img
spot_img

Più letti

‘Natale in città’, acceso l’albero. Nel Presepe i simboli della pace

Tutti gli appuntamenti del cartellone delle iniziative organizzato dall’Amministrazione comunale di Campobasso CAMPOBASSO. ‘Natale in città’, acceso l’albero di Natale allestito in piazza Vittorio Emanuele,...