HomeEVIDENZASanità, il nuovo Pos 'cancella' il laboratorio di Emodinamica del Veneziale

Sanità, il nuovo Pos ‘cancella’ il laboratorio di Emodinamica del Veneziale

Sarà accorpato con l’hub di Campobasso, mentre presso l’ospedale di Isernia verrà mantenuta l’unità di terapia intensiva cardiologica


ISERNIA. Il laboratorio sarà accorpato con l’hub di Campobasso, mentre presso l’ospedale di Isernia verrà mantenuta l‘unità di terapia intensiva cardiologica. Questo in sostanza quanto previsto dal nuovo Programma Operativo 2022-2024 per il servizio di Emodinamica al Veneziale.

“Secondo la programmazione ex DM 70/2015 per il bacino regionale dovrebbe essere presente una sola emodinamica – si legge nel Pos – Tuttavia si ritiene che, in ragione delle caratteristiche orografiche della regione e della dispersione della popolazione sul territorio, una sola emodinamica non sia sufficiente”.

Per questo nella programmazione della rete cardiologica 2022-2024 si prevede “il potenziamento dell’attività di emodinamica presso il il presidio ospedaliero ‘Cardarelli’ di Campobasso, ospedale Hub della rete (Dea di I Livello), in considerazione della localizzazione geografica baricentrica, dell’esperienza consolidata e della vicinanza con la struttura privata Gemelli Molise”.

Come si diceva, si è deciso di mantenere l’Utic a Isernia “che deve rispondere sia all’incremento di patologie cardiovascolari croniche riacutizzate (scompenso cardiaco), sia alla gestione di pazienti cardiologici che necessitano di cure semi intensive nell’ambito di un approccio multidisciplinare”.

Nel piano figura quindi “L’accorpamento del laboratorio di emodinamica di Isernia al Laboratorio Emodinamica Hub di Campobasso, in considerazione dell’attività non garantita 24/24h e 7/7gg, dei volumi di attività, degli esiti e della distanza da Campobasso, che consente di salvaguardare la golden hour richiesta per la riperfusione coronarica”.

La riorganizzazione della rete cardiologica prevede pertanto “due emodinamiche con opportuna concentrazione di utenza e professionalità nelle strutture Cardarelli e San Timoteo di Termoli, 24/24h e 7/7gg, con le specifiche già rappresentate in riferimento alla struttura Veneziale di Isernia. Tale riorganizzazione permetterà di raggiungere gli standard di volumi di circa 200 IMA e 400 PTCA ciascuno, superando le criticità rilevate nella riunione congiunta del tavolo tecnico per la verifica degli adempimenti regionali con il comitato permanente per la verifica dei livelli essenziali di assistenza del 12 aprile 2022”.


Come noto, il Programma è stato inviato ai Ministeri per la preventiva valutazione e pubblicato sul sito della Regione Molise. “È a disposizione di tutti coloro – cittadini, associazioni, istituzioni – che vorranno dare un contributo – ha detto il commissario ad acta Donato Toma – Abbiamo redatto il nuovo Po in base alle valutazioni raccolte dai vari stakeholders. Chiunque avrà voglia di leggerlo potrà sapere direttamente come la sanità molisana è già strutturata oggi e come sarà potenziata nei prossimi anni sia a livello ospedaliero sia nella sua articolazione territoriale”.

spot_img
spot_img
spot_img

Più letti

Cammini di Fede, in Molise censiti Cercemaggiore e Castelpetroso

Per un turismo esperienziale e di qualità: la soddisfazione dell'Ufficio pastorale turismo sport CAMPOBASSO-ISERNIA. L’Ufficio Nazionale della Pastorale del Turismo della Conferenza Episcopale Italiana ha...