HomeIl fatto del giornoIsernia, la campionessa olimpica Maria Centracchio racconta la sua battaglia: “Ho la...

Isernia, la campionessa olimpica Maria Centracchio racconta la sua battaglia: “Ho la fibromialgia”

Un toccante messaggio sui social per condividere questo momento particolare della sua vita: “Mesi di stanchezza e incertezze, dolori ed esami. Ora dovrò imparare a convivere con tutto questo”


ISERNIA. Un toccante messaggio, affidato ai social, per raccontare e condividere un momento particolare e di certo difficile della sua vita: la sua battaglia contro la fibromialgia.

È quello scritto dalla campionessa di Judo Maria Centracchio. L’atleta delle Fiamme Oro isernina, bronzo olimpico a Tokyo, ha dimostrato ancora una volta di avere coraggio da vendere.

“Ho sempre fatto affidamento sulla mia prestanza fisica, sul mio non stancarmi mai, sul rigenerarmi dopo ogni colpo: la mia tenuta durante gli incontri è sempre stata uno dei miei più grandi punti di forza, qualcosa su cui avrei giurato di poter contare all’infinito. Oggi però qualcosa è cambiato”.  Comincia così il post sulla sua pagina Facebook.

“Da qualche mese – spiega – è subentrata una stanchezza persistente, un affaticamento ad ogni minimo sforzo, tutto accompagnato da forti dolori in tutto il corpo e difficoltà a svolgere serenamente anche le più semplici attività quotidiane. Dopo le più svariate visite, i più diversi pareri e le incertezze annesse, siamo arrivati a dare un nome tutto questo: fibromialgia.

Da adesso in poi dovrò convivere con questo mio nuovo modo di ‘sentire’, dovrò imparare a dosare gli sforzi e ad indirizzare le mie energie nel modo migliore per il mio corpo.
C’è qualcosa di molto buffo in tutto questo ma, tra tutte le storie che potrei raccontarmi, mi piace pensare che il mio corpo sia stato così bravo da tenere duro e da spostare la ‘lancetta del dolore’ solo dopo avermi permesso di realizzare il mio sogno; che sia stato così maestro da farmi imparare come ci si rialza dopo ogni caduta, in modo da rendermi certa che saprò affrontare anche questa sfida come ho sempre fatto: a testa alta e petto in fuori.
Sono fortunata ad avere accanto delle persone speciali, che mi supportano e sostengono in ogni momento: il mio fidanzato e la mia famiglia in primis, i miei amici e il mio gruppo sportivo; è grazie a loro che tutto è più facile e lo sarà giorno dopo giorno. So di non essere sola in tutto questo ed è bellissimo”.

spot_img
spot_img
spot_img

Più letti

Poste, un annullo filatelico per la ‘Ndocciata di Agnone

Il servizio temporaneo sarà attivato sabato AGNONE. Come annunciato nei giorni scorsi dal sindaco Daniele Saia, in occasione della ‘Ndocciata di Agnone in programma sabato...