HomeNotiziePOLITICA & ATTUALITA'Transizione energetica: inaugurato il parco eolico di Castelmauro

Transizione energetica: inaugurato il parco eolico di Castelmauro

La cerimonia del taglio del nastro

CASTELMAURO. Sette aerogeneratori da 4,2 MW ciascuno, per una potenza totale pari a 29,4 MW: inaugurato questa mattina il parco eolico realizzato da Enel Green Power di Castelmauro.

L’impianto si trova tra i comuni di Castelmauro e Roccavivara, nella provincia di Campobasso e produrrà circa 70 GWh ogni anno da fonte rinnovabile, evitando l’emissione in atmosfera di circa 30mila tonnellate di CO2 all’anno e l’utilizzo di 15 milioni di metri cubi di gas, contribuendo con energia rinnovabile prodotta localmente alla riduzione della dipendenza energetica dell’Italia da fonti estere.

Al taglio del nastro erano presenti Salvatore Bernabei, CEO di Enel Green Power, il sindaco di Castelmauro Flavio Boccardo, l’assessore a Politiche Energetiche, Trasporti e Mobilità della Regione Molise Quintino Vincenzo Pallante, il senatore Costanzo Della Porta, la deputata Elisabetta Lancellotta e i rappresentanti dei comuni di Roccavivara e Trivento.

Il taglio del nastro

“Con l’entrata in esercizio del parco eolico di Castelmauro – commenta Salvatore Bernabei, ceo di Enel Green Power – contribuiamo concretamente, anche grazie alla collaborazione con le istituzioni locali e il territorio, al raggiungimento degli obiettivi di decarbonizzazione per il Paese. Questo e gli altri nuovi impianti rinnovabili che intendiamo realizzare in Italia contribuiscono ad accelerare la transizione energetica ridurre la dipendenza dai combustibili fossili, a vantaggio dell’ambiente, delle persone e dell’economia”.

“In questo periodo storico in cui l’energia è diventato un argomento centrale delle cronache con riflessi sulla vita dei cittadini, – commenta il sindaco di Castelmauro Flavio Boccardo – siamo particolarmente orgogliosi di avere sul nostro territorio questo nuovo impianto da fonti rinnovabili, e quindi completamente sostenibile. Il dialogo con Enel Green Power ha portato a un coinvolgimento attivo del territorio nella realizzazione di questo progetto”.

“Un impianto importante per l’intero territorio, soprattutto alla luce di quanto sta accadendo con la crisi energetica, una delle conseguenze del conflitto in Ucraina. Un contributo alla crescita italiana delle energie rinnovabili, contribuendo alla transizione energetica verso la generazione del domani. Nel programma del Governo Meloni, ci sarà tanta attenzione sul tema della diversificazione delle fonti di approvvigionamento e la produzione nazionale delle fonti energetiche – hanno commentato Della Porta e Lancellotta – Abbiamo il dovere di sfruttare le nostre risorse e la nostra nazione, in particolare il Mezzogiorno rappresenta il paradiso delle rinnovabili, dove è presente un patrimonio di energia verde troppo spesso bloccato da burocrazia e veti incomprensibili. Iter sicuramente da semplificare”.
Della Porta e Lancellotta hanno approfittato dell’occasione anche per ricordare come l’impegno della rappresentanza parlamentare molisana sarà rivolta al cosiddetto Decreto Molise, attraverso il quale si lavorerà per tutte le urgenze, le necessità e le priorità del nostro territorio e dei suoi cittadini col primo, indispensabile, approccio che riguarderà il tema della sanità molisana e l’uscita dal commissariamento. E, dunque, alla risoluzione delle cause che hanno determinato l’ingente debito sanitario.

“Sono molto contento di questo invito da parte di Enel Green Power e della presenza del suo amministratore delegato qui in Molise – commenta l’assessore a Politiche Energetiche, Trasporti e Mobilità della Regione Molise Quintino Vincenzo Pallante –  L’accensione di questo impianto a Castelmauro rappresenta un importante passo avanti in una zona che molto può offrire allo sviluppo delle energie rinnovabili, soprattutto in un momento in cui la strategicità dell’energia verde è più che mai evidente. La Regione offre sua massima disponibilità e continuerà a impegnarsi per proseguire su questa linea e offrire al Paese il suo contributo al raggiungimento dell’indipendenza dalle fonti fossili”.

Nella realizzazione del nuovo impianto sono state coinvolte imprese del territorio, in particolare per opere civili, servizi e manutenzione. 

spot_img
spot_img
spot_img

Più letti

Cammini di Fede, in Molise censiti Cercemaggiore e Castelpetroso

Per un turismo esperienziale e di qualità: la soddisfazione dell'Ufficio pastorale turismo sport CAMPOBASSO-ISERNIA. L’Ufficio Nazionale della Pastorale del Turismo della Conferenza Episcopale Italiana ha...