HomeNotizieCRONACAEsattorie, a giudizio per peculato: i Marcucci assolti con formula piena

Esattorie, a giudizio per peculato: i Marcucci assolti con formula piena

Per il Tribunale di Viterbo il fatto non sussiste


VITERBO/ISERNIA. Processo Esattorie: il fatto non sussiste. Sono stati assolti con formula piena gli isernini Carlo e Sandra Marcucci. È arrivata oggi la sentenza del Tribunale di Viterbo sul procedimento per peculato che, secondo l’accusa, avrebbero asseritamente consumato nella loro rispettiva veste amministratore di diritto e di fatto di Esattorie spa, in danno del Comune di Viterbo. Per oltre tre milioni di euro.

La ricostruzione dibattimentale dell’occorso ha messo in luce una serie indeterminata di criticità nel riconoscimento di crediti vantati da Esattorie spa, da parte di diversi enti pubblici con i quali tale società era convenzionata. Criticità sussistenti anche nello specifico rapporto con il Comune di Viterbo. Molto rilevante, se non decisiva, ai fini difensivi, la relazione tecnico contabile, elaborata dal  Alessandro Capone. Assai soddisfatto l’avvocato Morcella per il successo conseguito che, a suo dire “ ha riattribuito credito ai due imputati, bersagliati da una moltitudine di interventi operati negli anni dalla stampa, che sulla scorta della semplice roboanza della contestazione, aveva forse comprensibilmente, ma, sempre forse, anche frettolosamente, pre individuato un esito scontato di colpevolezza di Marcucci padre e figlia. A dimostrazione che al di là della appetibilità della notitia criminis pubblicata, molto spesso la effettività storica degli accaduti rimessi al vaglio del giudice penale, si rivela più complessa”.

spot_img
spot_img
spot_img

Più letti

Bagnoli del Trigno a ‘Mezzogiorno Italia’, importante vetrina nazionale

Le bellezze dell'area per le telecamere e gli spettatori di Rai 3. GUARDA LE FOTO BAGNOLI DEL TRIGNO. Nella tarda mattinata di oggi, sabato 28...