HomeNotizieCULTURA & SPETTACOLITeatro a Isernia, sul palco dell’auditorium torna ‘Anamanacanda’

Teatro a Isernia, sul palco dell’auditorium torna ‘Anamanacanda’

Lo spettacolo dell’associazione ‘L’Aretè’ andrà in scena il 30 dicembre


ISERNIA. Teatro a Isernia: torna a grande richiesta sul palco dell’auditorium ‘Unità d’Italia’ lo spettacolo dell’associazione culturale ‘L’Aretè’ Anamanacanda’. L’appuntamento è fissato per il 30 dicembre alle ore 21. Una serata all’insegna del divertimento, che sarà anche un’occasione per riflettere sulle tante sfaccettature dell’animo umano.

La locandina dello spettacolo

In scena una commedia in tre atti di Giampaolo D’Uva e liberamente ispirata a ‘Hanne sciaccate Amatucce’ di Vincenzo Viti. Lo spettacolo racconta le storia di Pascale ‘ru vardare’ , giovane farfallone sempre a caccia di avventure amorose, che viene ferito alla testa e si reca dal guaritore di fiducia don Gioacchino Talamone, ‘ru meglie fattucchiare delle terre de ‘Sernia, per scoprire l’autore del misfatto. A lui si rivolge anche ‘Coseme Purchitte de Colle Vavuse’ che, in preda alla gelosia, ha punito l’intraprendente giovane. Nipote e braccio destro di don Gioacchino è Cuncetta “musse tinte che nen crere a niente, sempre cuntraria a tutte, sfuttetora e fauza”. Ma l’amore la trasformerà perché Pascale ha buoni argomenti a suo favore.

La coralità è data da Amelia, volontaria e consolatrice a tutela della casa; Mechelangele, prezioso factotum; la Capèra, necessario tramite con il mondo esterno; Rachele Schiodato e Teresa Turesca, mamma e figlia; Noremano Oreste e suo figlio Liodoro; don Basilio Pironti, nobile decaduto; Liberato Turdone; il medico che chiude la carrellata dei personaggi che si avvicendano nella casa del fattucchiaro.

“Anamanacanda – ha più volte ribadito il regista D’Uva – è la commedia dell’animo umano con le sue paure e i suoi perenni turbamenti, che avvolgono e sfibrano l’uomo nella quotidiana lotta alla ricerca dell’Io. È la commedia di ciò che vorremmo essere ma non siamo, di ciò che siamo ma forse non abbiamo scelto di essere. In questa incertezza troveremo chi ci può aiutare. Incontreremo e ci affideremo a chi sarà capace di mostrarci la ‘realtà vera’ oppure la ‘realtà che noi vogliamo vedere’. Di tutto questo il fattucchiaro è specchio fedele”.

Insieme a Giampaolo D’Uva, saliranno sul palco Carmelina Di Florio, Gianni Antonilli, Laura Tamburro, Cosmo Antenucci, Raffaele D’Angelo, Angela Di Gneo, Marina Lucarino, Salvatore Rossi, Annamaria Iannone, Nicola Ciarlante, Luigi Cimorelli, Luciano Ricchiuti e Luigi Crudele. La scena è curata da Filippo Senerchia e completano il cast Giovanni Antenucci (tecnico luci), Cosmo Antenucci (tecnico scene) e Claudio Costa (tecnico audio). La canzone ‘Anamanacanda’ di Giampaolo D’Uva e Domenico Pacitti sarà eseguita da ‘Belive Group’.

Il costo del biglietto d’ingresso è di 10 euro. Prevendita presso la libreria ‘Enzo Della Corta, Cicchetti Tendenze e Madame Roses.

spot_img
spot_img
spot_img

Più letti

Ciaspolate e non solo: un’altra settimana di avventure con ‘Attraverso il...

Il programma messo a punto dall'associazione per andare alla scoperta delle meraviglie del territorio CAMPOBASSO/ISERNIA. Un'altra settimana da non perdere con gli appuntamenti targati 'Attraverso...