HomeNotizieLavoro e bandiLavoro, in Molise previste oltre 4mila assunzioni in tre mesi

Lavoro, in Molise previste oltre 4mila assunzioni in tre mesi

I dati dell’Unioncamere. Il contratto più utilizzato continua a essere quello a tempo determinato


CAMPOBASSO. Nei prossimi tre mesi in Molise sono previste oltre 4mila assunzioni. Questo quanto emerge dai dati del Bollettino del Sistema informativo Excelsior, realizzato da Unioncamere e Anpal.

Nel dettaglio, le assunzioni totali previste dalle imprese dell’industria e dei servizi nel mese di gennaio risultano pari a 1.700, che diventano 4.360 facendo riferimento alla previsione sul trimestre gennaio-marzo.

Rispetto a gennaio 2022, si osserva un leggero aumento delle entrate previste di circa 50 unità, +3,0%, in termini percentuali; +3,3% se il confronto viene spostato all’intero trimestre. Rispetto al periodo pre-covid (gennaio 2019) si registra un +38,2% (circa 470 figure professionali in più in termini numerici), se il confronto è riferito al solo mese; +19,5% se il confronto viene effettuato sull’intero trimestre gennaio-marzo (4.360 figure in entrate previste nei primi mesi del 2023 contro le 3.650 del 2019).

In regione a livello settoriale, contrariamente a quanto succede a livello nazionale, sono i servizi a determinare il risultato positivo del mese (1.170 figure professionali ricercate), con il turismo e i servizi alle imprese che registrano gli incrementi più marcati: +80 unità previste in entrate per il primo (+47,1% in termini percentuali), +100 unità per il secondo (+32,3%). Bene anche i servizi alle imprese che vedono aumentare le assunzioni previste del 14% circa, corrispondenti a 40 unità in più. Male il commercio, con una domanda di lavoro in diminuzione di circa il 43% (-150 unità previste in meno rispetto ad un anno fa).

FIGURE PROFESSIONALI. L’industria, ancora una volta penalizzata da crisi energetica e crescita dell’inflazione, ricerca a gennaio 530 lavoratori (-3,6% rispetto ad un anno fa). È l’industria manifatturiera e Public utilities quella più in difficoltà, con le imprese del settore che prevedono una contrazione delle entrate programmate del 20,7% (60 unità in meno). Le costruzioni, di contro, vedono crescere il numero di figure professionali ricercate del 20%.

A gennaio sale al 41,3% la difficoltà di reperimento (+3,4 punti percentuali rispetto a un anno fa), valore che arriva a superare il 50% per i dirigenti, professioni con elevata specializzazione e tecnici e per gli operai specializzati e conduttori di impianti e macchine. Le motivazioni di tali difficoltà sono da ricercarsi più nella mancanza di candidati (22,4%) che nella preparazione inadeguata dei candidati (13,8%).

Sono circa 434 (il 25,5% del totale) le assunzioni programmate rivolte preferenzialmente ai giovani sotto i 30 anni; circa il 18% delle ricerche di personale sono rivolte a laureati e il 32% a diplomati.

CONTRATTO. Il contratto a tempo determinato è la forma di assunzione maggiormente proposta con circa 850 unità (la metà delle entrate previste). Seguono il contratto a tempo indeterminato (374 unità, 22%), gli altri contratti non alle dipendenze (circa 190 unità, 11%) e quelli in somministrazione (136 unità, l’8%). Valori poco significativi per tutte le altre tipologie contrattuali.

spot_img
spot_img
spot_img

Più letti

Poste, ecco ‘Il libro dei francobolli’: ci sono anche Venafro e...

La raccolta è disponibile negli uffici con sportello filatelico di Campobasso, Isernia e Termoli CAMPOBASSO/ISERNIA. È disponibile anche negli uffici postali con sportello filatelico di...