HomeOcchi PuntatiCaro carburante, i benzinai confermano due giorni di sciopero

Caro carburante, i benzinai confermano due giorni di sciopero

Distributori chiusi, anche in modalità self-service


ROMA. Caro carburante: confermato li sciopero dei benzinai il 25 e 26 gennaio. Lo stop è stato infatti ridotto a 48 ore.

Come riporta l’Adnkronos, l’incontro al Mimit “è stato deludente e non c’erano le condizioni per revocare lo sciopero”. Lo ha sottolineato il presidente di Figisc, Bruno Bearzi, nel corso di una conferenza stampa con Faib e Fegica. “Lo sciopero è confermato” sottolinea il presidente di Fegica, Roberto Di Vincenzo. “C’è molto disappunto”, aggiunge il presidente di Faib, Giuseppe Sperduto.

Dall’incontro al Mimit con i gestori “non è arrivato alcun elemento che ci potesse spingere a revocare lo sciopero” afferma il presidente di Anisa-Confcommercio, Massimo Terzi, sottolineando che “l’esposizione del cartello è tutto tranne che trasparenza”.


Sperduto, confermando quanto anticipato da Fegica, spiega: “Ci adeguiamo alla richiesta del Garante per gli scioperi e riduciamo da 60 a 48 ore lo sciopero previsto il 25-26 gennaio”. 

DISTRIBUTORI CHIUSI. Lo sciopero dei gestori dei distributori dei carburanti inizierà alle 19 del 24 gennaio e si concluderà alle 19 de 26 gennaio. In tutto saranno 48 le ore di chiusura degli impianti, compresa la modalità self service. Lo sciopero riguarda strade e autostrade. Tuttavia, fanno presente le organizzazioni che hanno proclamato lo sciopero, saranno garantiti dei servizi minimi essenziali.

spot_img
spot_img
spot_img

Più letti

Poste, ecco ‘Il libro dei francobolli’: ci sono anche Venafro e...

La raccolta è disponibile negli uffici con sportello filatelico di Campobasso, Isernia e Termoli CAMPOBASSO/ISERNIA. È disponibile anche negli uffici postali con sportello filatelico di...