HomeNotiziePOLITICA & ATTUALITA'Radioterapia e prescrizioni, Cefaratti chiede le dimissioni di Toma e Papa: “Il...

Radioterapia e prescrizioni, Cefaratti chiede le dimissioni di Toma e Papa: “Il Ministero dice altro”

L’intervento del consigliere regionale di Orgoglio Molise sul ‘caso’ Gemelli: “Non si comprende, inoltre, per quale motivo le stesse strutture private convenzionate, sono ancora in attesa di ricevere i pagamenti corrispondenti al bimestre settembre-ottobre 2022, ampiamente scaduti”


CAMPOBASSO. Dimissioni immediate del commissario ad acta della sanità molisana Donato Toma e del subcommissario Giacomo Papa. A chiderle è il consigliere regionale di Orgoglio Molise Gianluca Cefaratti. Sotto accusa il decreto con cui, di fatto, è stata tolta la possibilità al Gemelli di prescrivere la radioterapia

Come noto, ieri nel corso della seduta del Consiglio regionale Toma ha affermato di aver chiesto “un parere e il Ministero della Salute ha chiarito che le strutture private che non sono policlinici universitari o Irccs non possono prescrivere prestazioni. Per questo motivo il Gemelli Molise non può fare prescrizioni su ricettario, nello specifico per la radioterapia. Non è un’iniziativa commissariale ma un dovere che deriva, come detto, dal parere del Ministero della Salute”.

“A leggere il parere espresso dal Ministero in data 22 dicembre 2022 – evidenzia Cefaratti – al contrario, emerge una verità diametralmente opposta; facendo riferimento ad un parere reso dall’Agenzia nazionale per i servizi sanitari del 28 ottobre 2022 che ha segnalato “le soluzioni già adottate nelle Regioni Lombardia e Veneto, le quali hanno esteso, eccezionalmente e limitatamente ad alcune prestazioni, l’abilitazione all’utilizzo dei ricettari in questione ai medici delle strutture private accreditate e a contratto con il SSR ovvero degli ospedali religiosi classificati, per specifici percorsi diagnostico-terapeutici e, in conclusione, è stata rappresentata la possibilità, da parte della struttura commissariale della Regione Molise, di valutare l’opportunità di autorizzare i medici del Gemelli Molise S.p.A., atteso che è l’unico istituto sul territorio regionale accreditato ad erogare trattamenti di radioterapia”. Pertanto, al contrario di quanto pubblicamente affermato, la struttura commissariale ha la possibilità di fornire la sua autorizzazione al Gemelli Molise. C’è poco da interpretare, il parere espresso dal Ministero è chiarissimo. Si tratta esclusivamente di mancanza di volontà (politica) da parte della struttura commissariale di seguirne le indicazioni. Il Commissario, piuttosto che occuparsi esclusivamente della questione legata ai privati convenzionati, avrebbe dovuto trovare soluzioni per ridurre la cosiddetta “mobilità passiva”, che in questi ultimi anni ha gravato per circa 80 milioni di euro sul bilancio regionale.

Non si comprende, inoltre, per quale motivo le stesse strutture private convenzionate, sono ancora in attesa di ricevere i pagamenti corrispondenti al bimestre settembre-ottobre 2022, ampiamente scaduti, oltre che ulteriori e fondamentali risorse per le stesse, relative agli anni precedenti. Alla luce di quanto sopra, si chiedono le dimissioni immediate del commissario ad acta Donato Toma e del subcommissario Giacomo Papa”.

spot_img
spot_img
spot_img

Più letti

Bagnoli del Trigno a ‘Mezzogiorno Italia’, importante vetrina nazionale

Le bellezze dell'area per le telecamere e gli spettatori di Rai 3. GUARDA LE FOTO BAGNOLI DEL TRIGNO. Nella tarda mattinata di oggi, sabato 28...