HomeNotizieCULTURA & SPETTACOLIGiornate Fai di primavera, in Molise appuntamento con Colletorto e Macchia Valfortore

Giornate Fai di primavera, in Molise appuntamento con Colletorto e Macchia Valfortore

Torna il più importante evento di piazza dedicato al patrimonio culturale e paesaggistico italiano, con l’apertura eccezionale di oltre 750 luoghi inaccessibili o poco noti


CAMPOBASSO. Sabato 25 e domenica 26 marzo 2023 si rinnova l’appuntamento con le ‘Giornate FAI di Primavera’, il più importante evento di piazza dedicato al patrimonio culturale e paesaggistico del nostro Paese. Anche in questa 31esima edizione, la manifestazione di punta del Fondo per l’Ambiente Italiano offrirà l’opportunità di scoprire e riscoprire, insieme ai volontari della Fondazione,tesori di storia, arte e natura in tutta Italia con visite a contributo libero in oltre 750 luoghi di 400 città, la maggior parte dei quali solitamente inaccessibili o poco conosciuti.

Protagoniste in Molise saranno Colletorto e Macchia Valfortore.

Colletorto, un tempo roccaforte normanna e borgo degli Angioini, oggi è conosciuta come paese dell’olio buono. Sull’abitato svetta la torre merlata voluta nel secolo XIV dalla regina Giovanna I d’Angiò. Sulla sua sommità la torre presenta un ampio terrazzo che orienta lo sguardo verso il Gargano, i laghi costieri di Lesina, di Varano e l’Alta Daunia. Un itinerario alla scoperta di un borgo dalla storia importante. Il percorso ha inizio dalla chiesa del Purgatorio, all’ingresso del centro storico, situata a ridosso delle mura perimetrali che un tempo cingevano l’agglomerato più antico. La chiesetta, sormontata da uno degli orologi più grandi della regione e da quattro campanili a vela, è stata la sede della Confraternita del Santissimo Sacramento e delle Anime del Purgatorio. La visita prosegue alla chiesa di San Giovanni Battista e al Museo Ecclesiastico, da poco inaugurato, e che contiene reperti dell’antica chiesa e oggetti sacri donati dalla famiglia del marchese Bartolomeo Rota. I visitatori resteranno ammaliati dalla bellezza di Palazzo Marchesale, oggi sede del Comune di Colletorto, un tempo dimora gentilizia sorta sull’antico impianto normanno del castello. Il percorso si conclude con la visita alla Torre della Regina Giovanna I d’Angiò.

Macchia Valfortore è situato sul versante molisano del Lago di Occhito, al confine con la Puglia. Oltre al centro storico e al polo museale, ambienti naturali e paesaggi di rara bellezza caratterizzano un agroecosistema di grande pregio. Il Polo Ecomuseale comprende il Museo Civico di Storia Naturale della Valle del Fortore, l’Ecomuseo “La Casa, i Mestieri e la Cultura della Memoria” e l’antico mulino ad acqua della famiglia Di Iorio. In occasione delle Giornate FAI verranno organizzati due itinerari alla scoperta del borgo e delle sue interessanti strutture museali.

Il Borgo e l’Ecomuseo. Un percorso che, partendo da Piazza San Nicola, ci condurrà tra le vie del centro storico alla scoperta della chiesa di San Nicola di Mira e di quella Cristiana Evangelica, e si concluderà con l’Ecomuseo “La Casa, i Mestieri e la Cultura della Memoria”: un museo diffuso dove trovano ambientazione in originali strutture d’epoca laboratori e botteghe artigianali, abitazioni e luoghi della vita quotidiana che hanno caratterizzato il vissuto degli ultimi due secoli di Macchia Valfortore. Inoltre, nella moderna stazione di rilevamento sismico della Italian Experimental Seismic Network sarà possibile ascoltare il “suono” dei terremoti.

Polo Ecomuseale: l’antico mulino ad acqua. L’antico Mulino ad Acqua della Famiglia Di Iorio è un’architettura articolata, composta da due mulini posizionati a quote differenti per poter utilizzare la stessa acqua per entrambe le strutture e razionalizzare così la forza motrice. Grandi vasche, una galleria, un pozzo ipogeo per l’approvvigionamento dell’acqua potabile, l’abitazione del mugnaio nella quale vi è anche un antico forno a paglia, caratterizzano l’intera grande struttura settecentesca che ospita i due mulini. Durante le Giornate FAI i visitatori verranno accompagnati lungo un percorso che si snoda in vari ambienti e termina nella casa del mugnaio nella quale sono stati ristrutturati il camino, la fornacella e il forno a paglia. Un salto nel passato per “rivivere” la macinatura dei cereali e le antiche pratiche dell’impasto e della cottura del pane, anche grazie alla ricostruzione all’esterno di antiche strutture rurali.

Per l’elenco completo dei luoghi aperti e delle modalità di partecipazione, si può visitare questo link.

spot_img
spot_img
spot_img

Più letti

Campobasso, tutto pronto per la presentazione di ‘Riti e Tradizioni. Il...

Appuntamento all'Alphaville venerdì 24 marzo. Felice: “Un’occasione per riflettere insieme su una stagione storica che non verrà dimenticata dalla nostra città” CAMPOBASSO. A circa una...