Verrà chiesta la revoca del provvedimento


FROSOLONE. ‘No’ alla demedicalizzazione della postazione del 118 di Frosolone. Sul piede di guerra i sindaci dell’area che chiederanno la revoca del provvedimento.

Ad annunciarlo è il primo cittadino di Macchiagodena Felice Ciccone.

“Abbiamo appreso – scrive in un post su Facebook –  che da domani 21 marzo la postazione 118 di Frosolone sarà demedicalizzata con la conseguenza che il servizio sarà garantito dall’infermiere coadiuvato dall’autista e dal volontario-soccorritore.

Solo successivamente, se ritenuto necessario, interverrà il medico del servizio 118.

Togliere il medico al servizio 118 rappresenta un vero e proprio attentato alla salute dei nostri cittadini, ai quali vanno aggiunti quelli che vivono nelle aree delle postazioni di Castelmauro, Cerro al Volturno e Sant’Elia a Pianisi che hanno subito lo stesso trattamento qualche tempo fa e quelli che a breve lo subiranno. È inaccettabile!

I nostri territori sono già fortemente penalizzati e, per questo, fa ancora più rabbia vedere smantellare  servizi importanti come quelli socio-sanitari e, addirittura, quelli emergenziali.

È assurdo anche perché il servizio 118, quello vero con il medico, è il miglior modo per decongestionare il pronto soccorso dei nostri Ospedali che tanto stanno soffrendo in questo periodo.

È assurdo perché mentre noi lavoriamo ogni giorno per rendere i nostri territori più attrattivi, c’è chi va in direzione contraria rendendoli più fragili e più vulnerabili.

Unitamente ai sindaci dell’area, domani chiederemo con forza la revoca dell’assurdo provvedimento”.