HomeNotizieCRONACAIsernia, gestivano un giro di spaccio di cocaina in casa: condannata famiglia...

Isernia, gestivano un giro di spaccio di cocaina in casa: condannata famiglia di pusher

La sentenza del tribunale al termine del rito abbreviato per padre, madre e due figli


ISERNIA. Per circa tre anni avevano trasformato la loro casa in una sorta di centrale dello spaccio di cocaina e hashish. Sono arrivate nei giorni scorsi le sentenze di condanna per quattro componenti della famiglia Spada di Venafro: padre, madre e due figli.

Il giudice del Tribunale di Isernia, al termine del giudizio abbreviato richiesto dalla difesa, ha condannato le quattro persone accusate dalla Procura di aver gestito dal 2019 sino almeno al mese di gennaio 2022 una vera e propria piazza di spaccio domestica a Venafro.

Nei loro confronti, era scattata misura di custodia cautelare in carcere nel mese di maggio dello scorso anno e da allora sono in carcere.

La decisione del giudice è risultata conforme alla richiesta avanzata dalla Procura che aveva richiesto per tutti gli imputati la condanna alla pena di sette anni di reclusione, oltre multa: tale è stata la condanna irrogata nei confronti degli imputati, ad eccezione del padre il quale, scarcerato nel maggio 2021, aveva concorso solo a parte dei reati contestati: nei suoi confronti è stata quindi erogata la pena di anni sei mesi 10 di reclusione oltre multa.

Tre degli imputati oggi condannati erano stati già arrestati in esecuzione di una ordinanza cautelare richiesta e ottenuta da quest’ufficio nell’anno 2018 per analoghi fatti di reato: condannati nell’anno 2020 sempre a seguito di giudizio abbreviato, videro ridurre significativamente la pena loro irrogata dal tribunale di Isernia da parte del Giudice di appello di Campobasso il quale ritenne le loro condotte sussumibili nella fattispecie di spaccio di lieve entità, determinando il loro ritorno anticipato alla libertà.

Nonostante le condanne già ricevute e le pene scontate gli imputati, difatti, all’uscita dal carcere non hanno esitato a riprende le proprie condotte delittuose, costituenti un vero e proprio business familiare.

“La decisione del giudice di primo grado – evidenzia in una nota il procuratore Carlo Fucci – è di particolare interesse pubblico perché, ritenendo fondata l’ipotesi accusatoria di questa Procura, basata su lunghe indagini effettuate dalla Squadra Mobile della Questura di Isernia e coordinate da questo Ufficio, consente di prolungare gli effetti positivi dell’azione dello Stato diretta a contrastare nella provincia di Isernia lo spaccio di sostanze stupefacenti che vede i giovani tra le “vittime” di un’attività distruttiva del futuro degli stessi giovani.

L’attuale condanna sarà verosimilmente sottoposta ancora una volta al vaglio della Corte d’Appello di Campobasso, dinanzi alla quale la difesa potrà far valere le ragioni in favore degli imputati per i quali, seppure ancora detenuti in stato di custodia cautelare, vale la garanzia costituzionale della presunzione di non colpevolezza fino all’eventuale condanna definitiva”.

Più letti

Venafro, tutto pronto per la settima edizione di ‘Femminile Plurale’

Appuntamento giovedì 7 marzo presso la Palazzina Liberty VENAFRO. Venus Verticordia ha il piacere e l'onore di presentare la settima edizione di Femminile Plurale, la...
spot_img
spot_img
spot_img