Era incastrato tra gli scogli. Individuato dall’elicottero utlizzato per le ricerche


TREMITI. Sono riprese all’alba le ricerche termolese Gianluca De Luca, scomparso nel tardo pomeriggio di ieri nelle acque delle Tremiti.

Ma si sono concluse con la triste scoperta: il corpo dell’uomo privo di vita incastrato tra gli scogli all’isola di Capraia. Ad individuarlo un elicottero utilizzato per perlustrare l’area, in rinforzo alla motovedetta e al battello pneumatico già messi in campo dalla Capitaneria di Porto di Termoli che ha coordinato le operazioni.

Stando a quanto si è appreso sulla vicenda, il 54enne (sub esperto, ndr) si trovava con un amico a bordo di un gommone quando, a sud dell’isola di San Nicola, si è tuffato per una immersione dalla quale purtroppo non sarebbe più risalito. L’allarme è stato lanciato intorno alle 18 e subito sono scattate le indagini, sospese solo a tarda notte e riprese appunto stamane, quando ogni speranza si è definitivamente spenta.

Sgomento nella cittadina molisana d’origine, dove l’uomo era molto conosciuto anche perchè titolare, insieme al fratello, dello storico Lido Anna, situato in prossimità del centro. Ed ecco il sindacato dei balneatori Sib Molise, per il tramite del presidente Domenico Venditti, e la Confcommercio, a nome di tutti gli operatori turistici della costa molisana, esprimono “profondo cordoglio, unendosi al dolore della famiglia, per la scomparsa dell’amico e collega”.