HomeEVIDENZASanità pubblica, Alessandra Salvatore presenta la proposta di legge: fondi da portare...

Sanità pubblica, Alessandra Salvatore presenta la proposta di legge: fondi da portare al 7,5% del Pil

Conferenza stampa per illustrare l’iniziativa, sulla scorta della mobilitazione nazionale del Pd. Previsto anche il taglio al tetto di spesa per l’assunzione del personale


di CARMEN SEPEDE

CAMPOBASSO. Sostenere e rilanciare la sanità pubblica. Questa la finalità della proposta di legge regionale che la consigliera del Pd Alessandra Salvatore ha presentato a Palazzo D’Aimmo, destinata alle Camere, per la quale poi si chiederà la discussione in Parlamento, in considerazione della potestà legislativa propria delle Regioni.

La proposta di legge, che riprende quella già adottata dalla Giunta dell’Emilia Romagna, arriva sulla scorta della mobilitazione nazionale del Partito Democratico a sostegno della sanità pubblica – analoghe iniziative verranno portate avanti in tutte le regioni italiane – com’è stato detto in una conferenza stampa che Alessandra Salvatore ha tenuto insieme a Giose Trivisonno, capogruppo dem al Comune di Campobasso e al vice sindaco di Ripalimosani Annamaria Trivisonno, che nei rispettivi comuni presenteranno una mozione.

“La filosofia di questa proposta – ha chiarito Alessandra Salvatore – è che non si possono ridurre i fondi per la sanità pubblica e questo è un discorso che vale per tutte le regioni, a maggior ragione per quelle commissariate, come il Molise. Il Fondo sanitario nazionale non può essere depauperato, ma deve essere incrementato. Occorre che la sanità pubblica venga finanziata, occorre togliere il tetto di spesa per l’assunzione del personale. Sono convinta che su questo tema troveremo ampia convergenza, perché credo che anche la maggioranza desideri che si investa in sanità e in sanità pubblica, una lezione che credo ci abbia insegnato la pandemia. Non è solo una questione di buonsenso, ma di sopravvivenza”.

Quanto ai numeri dell’incremento la proposta di legge prevede di portare le risorse destinate alla sanità dall’attuale 6,8% al 7,5% del Pil su base annua, con un aumento dello 0,21% del Prodotto interno nominale italiano per ciascuno degli anni dal 2023 al 2027. In termini numerici la copertura finanziaria degli oneri derivanti dall’attuazione della legge, prevede un impegno di 4 miliardi di euro per il 2023, 8 miliardi di euro per il 2024, 12 miliardi di euro per il 2025, 16 miliardi di euro per il 2026, 20 miliardi di euro annui a decorrere dal 2027.

spot_img
spot_img
spot_img

Più letti

Carnevale delle maschere zoomorfe, si comincia: arrivati a Isernia i gruppi...

Grande festa con gli oltre 300 figuranti pronti a portare per le vie della città suoni, musiche, canti e tutta la forza delle loro...