HomeNotizieCRONACAInferno di fuoco su monte Santa Croce: denunciato il piromane

Inferno di fuoco su monte Santa Croce: denunciato il piromane

I carabinieri hanno dato un volto all’uomo responsabile del rogo che ha devastato 80 ettari di boschi


VENAFRO. Ha un volto e un nome il piromane che ha provocato il vasto incendio su monte Santa Croce a Venafro. I carabinieri hanno infatti denunciato un uomo di mezza età che vive nella zona.

L’incendio, come noto, è divampato alle ore 19.30 circa del 24 agosto ed ha interessato il territorio del comune di Venafro, investendo l’intero comprensorio di monte Santa Croce, è stato definitivamente domato solo la mattina del 28 agosto. Al momento si stimano bruciati circa di 80 ettari di boschi, pineta di alto fusto, macchia mediterranea, pascolo ed uliveti (di proprietà di privati cittadini ma anche dell’Ente Regionale Parco degli Ulivi) con danni non ancora quantificati, ma sicuramente ingenti. Le indagini, condotte da personale del Norm della Compagnia Carabinieri di Venafro con la collaborazione di quello della Stazione Carabinieri Forestali di Venafro, hanno permesso, in maniera rapida, di identificare il presunto autore del gesto che è stato deferito in stato di libertà.

Si tratta di un uomo di mezza età del venafrano che, per motivi ancora al vaglio degli inquirenti, avrebbe appiccato volontariamente il fuoco. Alla sua individuazione i militari della Compagnia Carabinieri di Venafro sono giunti grazie a specifiche attività di investigazione che hanno permesso prima di individuare con esattezza il punto di innesco dell’incendio, un terreno situato nei pressi del castello Pandone e, successivamente, tramite sopralluoghi, ricognizioni e l’escussione di numerosi testimoni residenti del centro storico cittadino, di dimostrare la presenza della persona denunciata sul luogo ed all’ora esatta di inizio del rogo.

Fondamentali sono state le numerose segnalazioni di privati cittadini che, consapevoli del grave danno provocato al loro territorio, hanno fornito un’eccellente opera di collaborazione agli inquirenti.

Il presunto autore dell’illecito, al termine degli accertamenti, è stato deferito per incendio boschivo aggravato e distruzione di bellezze naturali. Il procedimento si trova nella fase delle indagini preliminari durante il quale l’indagato potrà far valere le sue difese ai sensi del c.p.p. .

spot_img
spot_img
spot_img

Più letti