HomeNotizieCRONACABastonata a sangue dal suo padrone, denuncia in Procura: chiesto il sequestro...

Bastonata a sangue dal suo padrone, denuncia in Procura: chiesto il sequestro della cagnolina

L’ha presentata Stop Animal Crimes Italia di concerto con lo Studio Legale Lucarelli, per poter accudire e curare Scimmia in maniera adeguata


CAMPOBASSO. Continua la mobilitazione per Scimmia, la cagnolina barbaramente maltrattata dal suo padrone lungo il corso di Campobasso. Stop Animal Crimes Italia, ente nazionale di denuncia dei fenomeni di maltrattamento e sfruttamento degli animali, di concerto con lo Studio Legale Lucarelli di Campobasso partner nazionale dell’associazione, ha depositato presso la Procura della Repubblica di Campobasso denuncia contro il proprietario, contenente istanza di sequestro preventivo, per le ipotesi di reato di maltrattamento animale e incuria.

“Ad oggi – viene evidenziato in una nota – in seguito a denunce di vari enti animalisti, alcun provvedimento urgente è stato disposto dall’Autorità Giudiziaria e le indagini sono in corso. Per tale ragione, nell’auspicio di sottrarre quanto prima il cane dalla disponibilità di una persona che riteniamo non idonea a garantire all’animale le necessarie e prescritte cure rispettose del suo benessere etologico e fisico, abbiamo messo in evidenza che l’urgenza di ottenere il sequestro del cane è dettata anche dalla necessità di curarlo immediatamente, non potendosi considerare sufficiente il vociferato ricovero dello stesso presso una pensione, condizione che, eventualmente, lo preserverebbe dalle percosse ma non dalla sofferenza derivante dalla patologia da cui è affetto. Una patologia, ad oggi, neppure accertata, nonostante l’impressionante materiale infetto che cola dal muso dell’animale. Stop Animal Crimes Italia possiede autorizzazione ministeriale per lo stallo degli animali sequestrati e/o confiscati, pertanto, l’accoglimento della richiesta di sequestro comporterebbe l’accudimento del cane Scimmia da parte dell’associazione animalista, con oneri a carico. Siamo dinanzi ad una condotta omissiva che, come in molti altri casi di parimenti indifferenza, sottopone il cane a patimenti e afflizioni ingiustificate e ingiuste e i cui spunti normativi e elementi forniti alla Procura della Repubblica auspichiamo saranno sufficienti a far emettere al pm un’urgente misura cautelare”.

spot_img
spot_img
spot_img

Più letti

Carnevale delle maschere zoomorfe, si comincia: arrivati a Isernia i gruppi...

Grande festa con gli oltre 300 figuranti pronti a portare per le vie della città suoni, musiche, canti e tutta la forza delle loro...