La funzione religiosa si è tenuta presso la chiesa di santa Maria di Oratino


ORATINO. La Guardia di Finanza di Campobasso, questa mattina, presso la chiesa di santa Maria Assunta in cielo di Oratino, ha celebrato il proprio patrono, San Matteo, con una funzione religiosa officiata dall’arci-vescovo metropolita della diocesi Campobasso-Bojano Giancarlo Maria Bregantini.

Nel corso della cerimonia, alla presenza delle massime cariche civili e militari del territorio, sono stati ricordati: il finanziere Antonio Zara, medaglia d’oro al Valor Militare a cui è intitolata la Caserma di Campobasso, ucciso nel 1973 nel tentativo di opporsi ad un commando terroristico; il vice brigadiere Antonello Amore, a cui è intitolata la caserma di Larino, deceduto a Taurianova nel 1991 nel corso di un’operazione di servizio; il finanziere Angelo Pascale, medaglia d’oro al merito civile, deceduto in servizio nel 1970 durante un’attività finalizzata alla repressione del contrabbando.

Nell’intento di rinsaldare ulteriormente il legame tra la Guardia di Finanza e i territori nei quali è presente con un proprio presidio, attraverso la condivisione di quei valori e di quelle tradizioni che pongono il Corpo quale sicuro punto di riferimento per la collettività, analoghe celebrazioni si sono tenute presso la parrocchia del sacro Cuore di Isernia, la cattedrale di Larino, il duomo di Termoli e la basilica dei santi Nicandro, Marciano e Daria di Venafro, alla presenza delle Autorità locali e con la partecipazione degli Ufficiali e dei militari in servizio a quelle sedi.