HomeNotiziePOLITICA & ATTUALITA'Tpl, lavoratori Atm ancora senza stipendio: lettera aperta al governatore Roberti

Tpl, lavoratori Atm ancora senza stipendio: lettera aperta al governatore Roberti

Nonostante il recente confronto con il Consiglio regionale, la vertenza resta aperta. In campo la Faisa Cisal


CAMPOBASSO. Non è trascorso solo il primo del mese, ma anche il 12, e i lavoratori Atm del trasporto pubblico locale sono ancora senza stipendio. E non sanno neppure quando e se verrà erogato. È l’ennesima denuncia della Faisa Cisal  sul caso, che lancia un appello al governatore Roberti con una lettera aperta.

“Per questi motivi, – scrivono dal sindacato – ci rivolgiamo apertamente a Lei con profonda preoccupazione perché, approssimandosi le feste natalizie, si eviti l’ingiusta ed ingiustificata attesa spasmodica della retribuzione, compresa la 13° mensilità, la cui scadenza è prevista per il giorno 20 del mese. Non è assolutamente motivato un ritardo, considerate le puntuali e laute risorse erogate dalla Regione, anche perché i ratei della tredicesima sono già inglobate nelle rimesse mensili della Regione. La situazione è inconcepibile, anche perché il costo del personale rappresenta circa il 34% dei ricavi (molto più bassa della media nazionale e di una società ad alta incidenza di mano d’opera).

L’interrogazione di che fine facciano le risorse della Regione è doverosa, esaminata la situazione critica che, da anni, sta affrontando il personale del trasporto pubblico locale nella nostra regione.

È imperativo sottolineare che il trasporto pubblico gioca un ruolo fondamentale nella mobilità di molti cittadini del Molise e la sua operatività è cruciale per garantire un tessuto sociale ed economico sano. Invece, il persistente mancato pagamento degli stipendi sta mettendo a repentaglio non solo il benessere finanziario dei dipendenti, ma anche la stabilità e l’efficienza del servizio stesso.

Le conseguenze di questa situazione non riguardano solo gli aspetti economici della vita dei dipendenti, ma si riflettono anche sulla loro salute mentale e sulla motivazione a svolgere un lavoro che è essenziale per la nostra comunità. Il livello di stress e l’ansia derivanti dalla precarietà finanziaria stanno minando la produttività, mentre la soddisfazione sul posto di lavoro è a livelli pressoché vicino allo zero, il ché mette a rischio la qualità complessiva del servizio di trasporto pubblico.

Chiediamo rispettosamente che Lei, in qualità di massima autorità della nostra regione, – si avvia a conclusione la missiva – intervenga immediatamente per risolvere questa ingiusta situazione, peraltro, come già detto, ingiustificata considerate le laute e puntuali risorse disposte dalla Regione. La Sua azione tempestiva in questo contesto non solo dimostrerebbe un impegno concreto per il benessere dei dipendenti, ma anche per la vitalità del settore del trasporto pubblico locale nel Molise. Auspichiamo che la Sua amministrazione affronti prontamente questa questione, dimostrando un impegno tangibile verso la tutela dei diritti dei lavoratori e la salvaguardia di un servizio così cruciale per la nostra comunità.

La ringraziamo per l’attenzione che dedicherà a questa problematica e confidiamo nell’adozione di misure urgenti e necessarie per risolvere questa situazione”.

Più letti

‘Amici x sempre Estate 2024’, data zero a Termoli per i...

Appuntamento l'8 giugno all'Arena del Mare TERMOLI. Manca sempre meno all’inizio del tour 'Amici x sempre Estate 2024' che prenderà il via l’11 e il...
spot_img
spot_img
spot_img