Foto archivio (Ansa)

Centinaia le segnalazioni giunte all’associazione da ogni angolo d’Italia


ROMA. Molti sono morti di crepacuore, altri spaventati sono fuggiti finendo con l’essere investiti dalle auto. Anche la notte di San Silvestro che divide il 2023 dal 2024 ha fatto parecchie vittime tra gli animali.

A denunciare il fenomeno l’ Aidaa che in queste ore sta ricevendo segnalazioni da ogni angolo d’Italia. “Per fare una stima che si avvicina alla realtà dei cani e gatti e degli altri animali (in particolare volatili) morti per i botti ci vorranno un paio di giorni – spiega l’associazione – ma dando uno sguardo alle pagine social dedicate agli animali domestici morti o fuggiti  si evince già da queste prime ore dell’anno che anche quest’anno ci avviamo verso numeri elevati.

Al momento infatti sono centinaia le segnalazioni di cani e gatti in fuga in tutta Italia e ci sono anche diverse decine di segnalazioni di cani e gatti che non ce l’hanno fatta  -scrivono gli animalisti dell’Associazione Italiana Difesa Animali ed Ambiente – difficile al momento fare una stima numerica ma da quanto si apprende  il fenomeno è diffuso in tutto il territorio nazionale. I dati numerici in nostro possesso verranno resi pubblici dopo i controlli incrociati nei prossimi giorni”.