La conferma arriva da ambienti investigativi


DUBAI. Il broker molisano Gianluigi Torzi è stato fermato a Dubai ieri dalla Polizia. Come riferisce l’Ansa, la conferma arriva da ambienti investigativi.

Da quanto si ipotizza il fermo di Torzi – che dovrà essere convalidato dalle autorità degli Emirati – è dovuto a una misura cautelare chiesta dalla Procura di Milano per l’ipotesi di aggiotaggio su azioni Aedes, società di investimento quotata in Borsa, reato che sarebbe stato commesso tra il 2017 e il 2019.

Nuovi guai giudiziari dunque per il broker molisano, a poche settimane dalla conclusione del processo che lo ha visto condannato dal Tribunale Vaticano a 6 anni di reclusione e 6 mila euro di multa, alla interdizione perpetua dai pubblici uffici e alla sottoposizione alla vigilanza speciale per un anno.