HomeNotizieSPORTCalcio, patron Rizzetta torna a Campobasso: “Voglio la serie C per questo...

Calcio, patron Rizzetta torna a Campobasso: “Voglio la serie C per questo club”

Il presidente in Molise per essere vicino alla squadra e assistere alla prossima gara interna contro il Roma City


Una proprietà distante ma soltanto sulla carta. Il Presidente Matt Rizzetta è tornato in Molise, nel capoluogo, per stare vicino alla squadra e per assistere alla prossima gara interna in programma all’Avicor Stadium contro il Roma City. Al suo arrivo il patron ha presenziato fin da subito agli allenamenti, compresa la rifinitura odierna. Le sue sensazioni ai microfoni ufficiali del club:
 
 “Ogni volta per me è sempre un piacere tornare a Campobasso, ormai è diventata una seconda casa per me. Siamo in una fase fondamentale del campionato ed io ci tenevo a venire qui di persona per stare vicino alla squadra, a tutto lo staff e a tutti i nostri dipendenti. Chiaramente sono qui anche per stare vicino ai tifosi, abbiamo bisogno di tutto il loro sostegno per arrivare dove vogliamo“.

Campionato sempre più equilibrato, le 13 finali come dice lei…
 
Non sono tornato a Campobasso per farmi un giro al bellissimo Castello Monforte o per fare il turista in generale. Sono qui perché voglio conquistarmi i 3 punti, per far ripartire la corsa e rilanciare i nostri obiettivi, voglio la Serie C per questo club“.

Sugli spalti per l’occasione anche Mark Consuelos…
 
Si, ci sarà Mark con sua figlia Lola. Sono molto contento di averli al nostro fianco. Noi due ormai ci siamo tuffati in pieno dentro questo progetto, ci parliamo spesso anche perché ci da’ una grandissima mano in società. Quindi sì, sono davvero orgoglioso di averlo con noi così come lo sono di tutto il gruppo societario che ogni giorno è sempre più solido e coinvolto“.

Col Roma City possiamo contare sempre sui nostri tifosi…
 
Assolutamente sì. Voglio ringraziare tutti quelli che vengono allo stadio ogni domenica a prescindere dal meteo e dalle situazioni. Abbiamo degli obiettivi che vogliamo raggiungere, delle ambizioni importanti e avremo bisogno di loro e di tutti i molisani.Capisco che siano rimasti feriti in passato, ma il passato è appunto, il passato. Noi siamo il futuro. Per questo chiedo a loro sostegno e fiducia, per i ragazzi è importante ma lo è soprattutto per noi ed il progetto, ci teniamo tanto“.

Più letti

Monsignor Biagio Colaianni si congeda dalla diocesi di Matera-Irsina: “Scopritevi bambini...

Il neo Arcivescovo di Campobasso saluta i fedeli: "È stato padre e pastore del suo gregge" MATERA. Una chiesa gremita di fedeli ha accolto Monsignor Biagio...
spot_img
spot_img
spot_img