Grandi opere in Alto Molise, Saia: “Sente e campo eolico per rilanciare l’area” (VIDEO)

Non si può dare una tempistica precisa, ma la riapertura del viadotto è sempre più vicina assieme al revamp dell’impiantistica aerogeneratrice


AGNONE. Non si può dare una tempistica precisa, ma la riapertura del viadotto Sente è sempre più vicina. Ne è convinto Daniele Saia, presidente della Provincia di Isernia e sindaco di Agnone. Una struttura “al centro dell’attenzione di tutte le comunità dell’Alto Molise e dell’Alto Vastese”. L’Atene del Sannio, infatti, è una cittadina i cui servizi coprirebbero con più efficacia l’intera area, alla riattivazione dell’importante arteria.

Nove milioni stanziati, con cui inizieranno i lavori. “Siamo in contatto con Anas per dare attuazione, firmando una convenzione che faccia usare loro questi fondi direttamente. Ora è compito nostro, nei tempi più veloci possibile, per far restare le persone sul territorio con una risposta veloce”.

La riapertura è legata a un cronoprogramma – sottolinea Saia – quando sarà definito, daremo tempi certi”.

Sulle nuove strutture eoliche in Alto Molise, poi, in risposta alle critiche del consigliere regionale Andrea Greco: “La conferenza dei servizi non è per nuovi impianti, ma per un revamping di quello che già è lì. Verranno sostituiti gli aerogeneratori che ci sono e ne verranno messi sei di un’altezza importante. Non siamo contrari alle risorse rinnovabili – aggiunge il presidente – le fonti sono cinque, e in tema di Agenda 2030, se vogliamo rendere il pianeta sostenibile, a quelle dobbiamo attingere. Chiaramente vanno realizzate compatibilmente con le esigenze di normative e di paesaggio del territorio. Come comuinità agnonese, siamo stati sempre penalizzati perché non ne abbiamo mai tratto beneficio. Restiamo favorevoli, ma vogliamo anche delle compensazioni per le nostre comunità“.

I dettagli nel servizio in evidenza

Pierre