CULTURA & SPETTACOLI

Neuromed, un nuovo strumento di diagnostica avanzata Pet per le malattie neurodegenerative

Una collaborazione internazionale tra Italia e Cina per realizzare un innovativo ‘elmetto’


POZZILLI. Una collaborazione internazionale tra l’Irccs Neuromed di Pozzilli e la Huazhong University of Science and Technology, in Cina, ha portato allo sviluppo di un innovativo strumento PET (Tomografia a Emissione di Positroni) per lo studio delle patologie neurologiche. Questo strumento si distingue per la sua portabilità e per la possibilità di eseguire scansioni con il paziente in varie posizioni (in piedi, seduto, sdraiato), offrendo quindi maggiore flessibilità e comfort.

Il processo di sviluppo e i risultati della valutazione di efficacia del nuovo “elmetto PET” sono stati pubblicati sulla rivista scientifica IEEE Transactions on Radiation and Plasma Medical Sciences. Nel lavoro scientifico vengono esaminati gli aspetti innovativi della progettazione e vengono riportati i dati degli esperimenti condotti su esseri umani, un dato fondamentale per la rapida implementazione di questo dispositivo nella pratica clinica, soprattutto nel campo della diagnosi precoce delle patologie neurodegenerative, come la malattia di Alzheimer.

“Il design emisferico dei rivelatori – dice Nicola D’Ascenzo, Responsabile del Dipartimento di Innovazione in Fisica ed Ingegneria del Neuromed – unito all’uso della tecnologia Multi Voltage Threshold (MVT) ci consente di ottenere immagini di alta qualità e di elevata precisione, cruciali per la diagnosi precoce di malattie come l’Alzheimer. Tra i vantaggi rilevanti dobbiamo evidenziare la possibilità di utilizzare dosi di radiofarmaco più basse e la riduzione dei tempi di scansione, fattori importanti in un quadro di attenzione al benessere del paziente.

Un risultato reso possibile dalla sinergia tra esperti nel campo della neurologia, radiologia e ingegneria medica, impegnati nella realizzazione di quello che rappresenta un notevole avanzamento nella diagnosi e nel monitoraggio delle malattie neurodegenerative. E la collaborazione prosegue, come sottolinea D’Ascenzo: “Siamo ora impegnati nel validare ulteriormente le prestazioni di imaging dell’elmetto PET, utilizzando nuovi traccianti e un maggior numero di casi clinici. Al tempo stesso stiamo progettando nuovi avanzamenti tecnologici per ottenere un contrasto d’immagine, una risoluzione e una copertura geometrica ancora migliori”.

Pietro

Recent Posts

Fedeli in processione e fiera nel centro storico: Isernia in festa per San Pietro Celestino (VIDEO e FOTO)

Il meteo non proprio clemente non ha scoraggiato la comunità pentra che ha celebrato il…

9 ore ago

Isernia, stato di agitazione della Municipale: assemblea in concomitanza con la processione del Patrono

L’ha indetta il Csa per oggi dalle 17 alle 19. Inevitabili le ripercussioni sulla viabilità…

10 ore ago

Poule Scudetto di Serie D: i Lupi primi del girone

Vittoria casalinga per il  Campobasso che ha sconfitto il Carpi per 2-0, conquistando la semifinale…

10 ore ago

Comunali Campobasso, la Forte con Boncristiano e Cancellario per una città giusta ed ecologista

La candidata sindaca della coalizione progressista con gli aspiranti consiglieri della lista Alleanza Verdi e…

12 ore ago

Temporali e grandinate: nuova allerta meteo in Molise

L’avviso della Protezione Civile a partire dal primo pomeriggio di oggi e per le successive…

13 ore ago

Europee, a Isernia Cateno De Luca presenta la lista ‘Libertà’

Al fianco del sindaco di Taormina i candidati del collegio meridionale Amoruso, De Donato e…

15 ore ago