HomeEVIDENZAAgnone capitale della Cultura 2026: sostegno unanime del Consiglio regionale

Agnone capitale della Cultura 2026: sostegno unanime del Consiglio regionale

Approvata la mozione presentata dal consigliere Greco


CAMPOBASSO. Agnone Capitale della Cultura 2026: approvata all’unanimità dal Consiglio regionale la mozione a sostegno della candidatura della cittadina altomolisana, tra le dieci finaliste all’ambito riconoscimento.

L’iniziativa è stata presentata all’Aula dal primo firmatario Consigliere Andrea Greco, sono seguiti gli interventi dei Consiglieri Salvatore, Gravina, Cofelice, Niro, Romano, dell’Assessore al Turismo Micone e del Presidente della Giunta regionale Roberti.

In particolare, con l’atto assunto, il Consiglio regionale prende atto che, con il dossier dal titolo “Agnone 2026: Fuoco, dentro. Margine al centro”, la città di Agnone si è posizionata tra le dieci finaliste per la candidatura a Capitale Italiana della Cultura 2026, assicurando prestigio e riconoscibilità per l’intera regione Molise e producendo, nel contempo, significativi flussi turistici e economici.

La presenza di Agnone tra le dieci città finaliste -si rileva ancora nella parte motiva dell’atto di indirizzo assunto dall’Assemblea legislativa- equivale alla candidatura di un’intera regione non solo retoricamente ma effettivamente. Una candidatura -si rileva ancora- pensata e maturata nel quadro di un processo di rigenerazione territoriale e di sviluppo sostenibile di una città che si pensa come riferimento ed esempio di quel margine dell’Italia, quell’osso del paese contrapposto alla polpa delle coste e delle grandi città metropolitane che oggi vengono sinteticamente indicate come aree interne.

Di qui l’impegno che l’Assise regionale conferisce al Presidente della Giunta regionale affinché provveda:

• a riconfermare e rilanciare, in prossimità dell’audizione il prevista presso il Ministero di Cultura, il sostegno istituzionale già espresso dalla Regione Molise alla candidatura della città di Agnone a Capitale Italiana della Cultura 2026;

• a supportare in trasparenza e con il massimo grado di coinvolgimento di tutte le comunità ed enti territoriali il percorso di condivisione e disseminazione regionale, nazionale e presso le molteplici comunità di molisani nel mondo il percorso e i contenuti del dossier di candidatura;

• a sostenere l’impegno della Regione a collaborare con il Comune di Agnone e l’ATS appositamente costituitasi a realizzare almeno parte delle importanti e interessanti attività previste da programma, considerandole una occasione di rilancio più complessivo di una importante strategia culturale e patrimoniale di valorizzazione del Molise.

“Da cittadino agnonese – sottolinea il consigliere del M5S Andrea Greco – ringrazio personalmente i presidenti Quintino Pallante e Francesco Roberti che  hanno confermato la loro presenza a Roma insieme ad altri colleghi di maggioranza e minoranza. Oggi al di là di bandiere o schieramenti politici, il Molise tutto, sta dimostrando una grande unità e spirito di collaborazione che fanno ben sperare.

Incrociamo le dita, nel mentre è importantissimo che la massima assise regionale abbia formalmente appoggiato la candidatura. Questo significa aver sposato il progetto in maniera bipartisan e che in futuro l’appoggio sarà concreto per ridare dignità, servizi e speranza a territori spesso messi all’angolo o dimenticati.

Giochiamoci fino in fondo questa opportunità come Molise intero. Il sogno può tramutarsi in realtà. Ne gioverebbero davvero tutti”.

Più letti

Il Paleosuolo al Museo del Paleolitico di Isernia

Musei e luoghi di cultura in Molise aperti per il 25...

In occasione della Festa della Liberazione ingresso gratuito CAMPOBASSO-ISERNIA. Per il 25 aprile, Festa della Liberazione, e per le celebrazioni del 1 Maggio, festa dei...
spot_img
spot_img
spot_img